Glorificus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Glorificus
Glory
Glory
Universo Buffyverse
Soprannome
  • Glory
  • La Bestia
  • L'abominio
  • Ciò che non può essere nomiato
1ª app. in Casa, dolce casa
Ultima app. in La consulente
Interpretato da Clare Kramer
Voce italiana Roberta Pellini
Specie divinità infernale
Sesso femminile
Professione divinità
Abilità
Parenti

dèi infernali

Glorificus o più semplicemente Glory, conosciuta come La Bestia, l'Abominio e Ciò Che Non Può Essere Nominato, è un personaggio di Buffy l'ammazzavampiri interpretato da Clare Kramer che appare nella quinta stagione, nel ruolo dell'antagonista principale.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Antefatto[modifica | modifica sorgente]

Glory è un dio infernale che si dedicava a portare morte, terrore e distruzione; alleatasi con altre due divinità, delle quali era più forte, aveva formato un triumvirato di dolore e sofferenza; in seguito, temendo che avrebbe cercato di prendere per sé tutto il potere di quella dimensione infernale, gli altri due dei ingaggiarono battaglia contro di lei. Sconfitta, ma essendo impossibile eliminarla anche per loro, fu esiliata sulla terra in un corpo umano e mortale, Ben, creato appositamente per contenerla e farla morire come una comune mortale.

Ma in breve tempo ella riuscì a prendere il sopravvento e controllare il corpo mortale di Ben, prendendo l'aspetto per brevi periodi di una giovane e splendida donna, immortale e incredibilmente forte, veloce e potente. Nel caso in cui degli esseri umani dovessero assistere alla trasformazione, un incantesimo farebbe loro dimenticare l'accaduto. Per questo motivo l'unico in grado di sapere e ricordare questo importante dato è Spike, un vampiro, il quale nel penultimo episodio della stagione lo spiega alla Scooby Gang:

« Ben, Glory: lui è un dottore, lei è la Bestia. Due entità assolutamente distinte che condividono un corpo, è come in una brutta sit-com, sicuramente lo ricordate! »

Lo stesso incantesimo impedisce a chiunque di comprendere la doppia natura di Ben/Glory, anche se qualcuno (in questo caso Spike) provasse a spiegarlo.

Nella serie[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Buffy l'ammazzavampiri (quinta stagione).

Glory giunge a Sunnydale per cercare la "Chiave", un oggetto mistico abilmente nascosto da dei monaci col potere di distruggere le mura tra le dimensioni, in modo da poter tornare (e regnare) nella propria; l'uso della "Chiave" però causerebbe anche il crollo di tutte le altre dimensioni, compresa quella umana. La dea ignora che forma essa abbia assunto: seppur sprovvista di dettagli più precisi, sa solo che si trova in California e, nell'attesa di un indizio su dove e come cercarla, vive in un lussuoso appartamento circondata da una schiera di leali servitori adoranti che, secondo Xander, sembrano hobbit con la lebbra.

Per mantenere la propria forza, Glory deve mettere in atto quello che Buffy e la Scooby Gang definiscono "succhia-cervello": lei inserisce le proprie dita nella testa della vittima assorbendone l'energia cerebrale. Ciò porta i malcapitati a divenire mentalmente menomati, deliranti, non più in grado di fare discorsi coerenti, tant'è che l'arrivo di Glory segna per Sunnydale un inspiegabile aumento dei ricoveri nel reparto ospedaliero locale per malattie mentali. Questo vero e proprio esercito sempre crescente di quasi zombie che parlano a vuoto e vagano per la città in stato confusionale ha la capacità di riuscire a riconoscere la "Chiave", a differenza di ogni altro essere vivente, umano o demoniaco.

Per un errore di Ben, che si era lasciato sfuggire con uno dei servi di Glory una frase troppo esplicativa ("non lascerò che accada una cosa simile a un'innocente"), la dea viene a conoscenza del fatto che la chiave ha assunto la forma di un essere umano, ma solo dopo aver succhiato l'energia mentale a Tara scopre che il punto d'arrivo delle sue ricerche non è altro che Dawn, la sorellina della Cacciatrice.

« Glory: Questo corpo era solo in affitto, Dawnie. Essere umane è solo un travestimento per ragazze come noi. Essere qualcos'altro, è questo quello che siamo. »

Glory rapirsce quindi Dawn, poiché non ha più molto tempo a disposizione: infatti la Chiave può essere usata solo in un dato momento, che si avvicina, e più si avvicina più la coabitazione tra Ben e Glory diviene instabile. L'incantesimo che teneva separati inizia a dare segni di cedimento: i pensieri, i ricordi e persino i sentimenti si confondono, e le due personalità iniziano a lottare senza sosta per controllare quell corpo.

« Ben: Dov'è?
Dawn: Dov'è cosa?
Ben: Tutto quel sangue. Riesco a sentirlo, ancora caldo e bagnato. Glory... Oh Dio. Ha ucciso centinaia di uomini... E io sento le loro membra spezzarsi.
Dawn: Ben, sta succedendo qualcosa di terribile, sia a te che a Glory.
Ben: Mi sto ricordando di lei...? Le cose che ha fatto... quello che farà dopo... »

Ben, già disposto ad uccidere per impedire a Glory di scoprire l'identità della "Chiave", già avvezzo a evocare entità aliene per eliminare tutti i folli creati dalla "fame" della dea, accarezza l'idea di uccidere Dawn pur di mandare a monte il rito ed evitare la fine del mondo, ma alla fine, esasperato, distrutto psicologicamente e disperato, cede: Glory avrà il suo rituale, Glory tornerà a casa, e lui smetterà semplicemente di soffrire.

Buffy attacca Glory con ogni mezzo: i poteri magici di Willow (animata da un particolare odio per ciò che la dea ha fatto a Tara, e conscia che la sua sconfitta restituirà la sanità mentale alla ragazza), la Sfera di Dagon, la sua sosia-robot (il "Buffybot"), il Martello di Olaf (con cui Buffy colpisce Glory facendole perdere i sensi), e alla fine una palla di acciaio usata per demolire gli edifici (manovrata da Xander). Intanto, Spike, Giles, e Anya attaccano i suoi servitori. In ogni caso, benché la dea sia temporaneamente inoffensiva, la situazione precipita: Doc, affrontato senza successo da Spike, incide le vene di Dawn e ne sparge il sangue. Alla fine, ucciso Doc e detto addio a sua sorella, Buffy salta nel portale che si è aperto tra le dimensioni: questi si chiude, ma lei perde la vita.

Glory, tramortita e sconfitta, ha perso l'occasione per tornare nella sua dimensione, e si tramuta di nuovo in Ben. Giles sa che Glory potrà ritornare a prendersi la propria vendetta fino a quando Ben sarà vivo e per questo lo soffoca. Così muore Ben, e quindi anche Glory.

« Giles: Puoi muoverti?
Ben: Mi ci vuole... un minuto. Poteva uccidermi.
Giles: No, non poteva. Mai. E prima o poi Glory ritornerà, e farà pagare Buffy per la sua clemenza. E il mondo con lei. Buffy lo sa. Ma non potrebbe prendere una vita umana. Lei è un'eroina, sai. Lei non è come noi.
Ben: Noi? »

Poteri e Abilità[modifica | modifica sorgente]

Essendo Glory l'incarnazione fisica di una divinità dispone di poteri molto superiori alla maggior parte dei nemici affrontati da Buffy nella serie, anche se le sue effettive capacità massimali non sono mai dimostrate viene chiaramente esplicitato che erano al di là di ogni immaginazione, tanto da terrorizzare gli altri 2 dei suoi alleati. I suoi sproporzionati poteri sono stati ridotti dall'esilio in un corpo umano, ma nonostante le limitazioni le restano numerose abilità quali:

  • Superforza: Glory è probabilmente (se non certamente) dotata di una forza fisica enormemente superiore a quella di tutte le cacciatrici, demoni e vampiri. Fa crollare un intero edificio soltanto sbattendo troppo forte il piede sul pavimento del medesimo e crea un varco nella barriera magica difensiva di Willow, che aveva bloccato l'intero esercito dei cavalieri di Bisanzio, con un solo pugno; dopodiché abbatte tale esercito in pochi secondi, pur essendo impegnata a "trasportare" Dawn (cioè almeno un braccio inutilizzabile). È quindi considerabile il nemico fisicamente più potente dell'intera serie di Buffy (con la possibile eccezione di Caleb, che incanala una piccola parte del potere del Primo Male; sebbene la sua forza vada scemando a poco a poco)
  • Super velocità: è capace di muoversi a velocità sovrumana, risultando alla vista come poco più di una scia sfocata
  • Semi-invulnerabilità: il suo corpo non subisce alcuna lesione da diverse situazioni, sia le lotte con Buffy, sia dal crollo di un edificio su sé stessa, che dal precipitare da diversi metri di altezza dopo l'incantesimo di teletrasporto usato da Willow e Tara. Risulta capace di neutralizzare dei pugnali manipolati magicamente da Willow come mosche e Buffy sostiene che nemmeno un bomba atomica potrebbe averne ragione. Solo con l'ausilio del martello del dio dei Troll e dopo averla privata delle energie mentali di Tara e indebolita col terrore di Dagon, Buffy riuscirà finalmente a ferirla
  • Uso della magia: durante la saga trasmuta un serpente in un demone rettile al suo servizio per ritrovare La Chiave, con un incantesimo che Giles definisce di altissimo livello e complicato, ma che ella esegue con semplicità imbarazzante. Inoltre riesce ad eseguire il rito di apertura dimensionale sfruttando il sangue di Dawn.
  • Assorbimento d'energia mentale degli esseri umani: la quale le serve fondamentalmente per mantenere la lucidità, rende gli individui vittime legati misticamente a lei e alla chiave (capaci di riconoscerla), ma completamente folli
  • Omnilinguistica: apparentemente è in grado di parlare e comprendere qualunque linguaggio umano o demoniaco (parlando sia l'antica lingua dei monaci che trasmutarono la chiave, sia quella di un demone che ha assoldato per eliminare la cacciatrice)
  • Identificazione demoniaca: dimostra di saper riconoscere immediatamente un vampiro da un umano (Spike) senza alcuno stratagemma (riflesso nello specchio, paura del sole, ecc.) usato dai protagonisti
  • Dicotomia Ben/Glory: il quale impedisce a qualsiasi mortale che veda Glory trasformarsi in Ben o viceversa di ricordare l'accaduto, mentre le creature demoniache che vi assistono mantengono si i ricordi ma non sono in grado di spiegare l'evento a nessuno. Negli ultimi 2 episodi perde questa abilità iniziando ad inter-scambiarsi senza controllo col suo alter-ego.

Sebbene provenga da un'altra dimensione e agisca in quella mortale da pochi anni ha una grande conoscenza della cultura e della storia umana (denigra i poeti che lodavano le emozioni umane, quando lei stessa le inizia a provare a causa dell'assottigliarsi della divisione tra Ben e se stessa, rimanendone disgustata) e dei demoni (rivela ad uno "reclutato", a forza, che un tempo la sua razza era di potenti guerrieri, mentre ora sono decaduti)

Inoltre, Buffy e Giles ipotizzano che come divinità ella avrebbe potuto usare e controllare le folgori (come Zeus) e globi di fuoco. Infine, pare in grado di donare l'immortalità, promettendola a Ben in cambio di collaborazione

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Glory è anche chiamata "Glorificus" dai suoi servitori ed in molti dei testi fittizi consultati dai personaggi della serie, e "La bestia" dai monaci che hanno creato la "Chiave", ma non ha nulla a che vedere con "La Bestia" che appare in Angel.
fantasy Portale Fantasy: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantasy