Glitter (colonna sonora)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Glitter
Artista Mariah Carey
Tipo album Studio
Pubblicazione 11 settembre 2001
Durata 51 min : 45 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Contemporary R&B
Rap
Disco
Etichetta Virgin Records
Produttore Mariah Carey, Jimmy Jam, Terry Lewis, James Wright, DJ Clue
Certificazioni
Dischi d'oro Francia Francia[1]
Svizzera Svizzera[2]
Dischi di platino Stati Uniti Stati Uniti[3]
Mariah Carey - cronologia
Album precedente
(1999)
Album successivo
(2002)

Glitter è l'ottavo album in studio di Mariah Carey, registrato come colonna sonora per il film omonimo e pubblicato nel 2001.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Uscito per l’etichetta Virgin Records, ebbe scarso successo e vendette molte meno copie rispetto ad altri dischi della cantante. Alcuni critici hanno apprezzato ugualmente Glitter, per la sua diversità stilistica: la rivista Rolling Stone l’ha premiato con tre stelle e lo ha ritenuto "un grande passo avanti per la Carey, eterna ragazzina pop/r&b ... addirittura superiore a "Lady Marmalade" per il film Moulin Rouge! "Lady Marmalade"[4]. Giudizi lusinghieri sono arrivati anche da Amazon.com e Yahoo.Launch.com. Altri hanno invece stroncato l’album, sostenendo che la cantante avesse compiuto una svolta musicale scontata e non convincente.

Nella classifica Hamilton Chart, Glitter rimase al primo posto per una sola settimana. Fu anche nominato con un Pedeo Award come "Miglior Album".

Realizzato come un concept album con musica ispirata ai primi anni ottanta, il disco contiene collaborazioni con importanti artisti pop/rock: Rick James ha scritto "All My Life", Jimmy Jam e Terry Lewis rielaborarono la loro canzone "Didn't Mean to Turn You On" e scrissero con la Carey "Want You", mentre i Cameo lavorarono al singolo di lancio "Loverboy". Vi sono anche duetti con i rapper Busta Rhymes, Mystikal, Da Brat, Ludacris, Fabolous, Shawnna, 22, Ja Rule, Nate Dogg e Cameo e il cantante r&b Eric Benét. Nel finale della seconda traccia, la ballata "Lead The Way", Mariah si cimenta in una nota vocale di circa 20 secondi.

L’album debuttò al settimo posto di Billboard, e rimase nella top 20 per due settimane e in classifica per dodici. l'album ha venduto poco più di 2 milioni di copie[5], e negli Stati Uniti è stato premiato dalla RIAA con un disco di platino. Glitter ebbe all’estero maggiore successo di classifica e vendite, in Giappone, Grecia, Corea del Sud (disco d’oro), Singapore (2 dischi di platino), Taiwan, Hong Kong, Filippine (numero 3), Spagna (numero 3, oro), Canada (numero 4, platino), Francia (numero 5, oro), Italia (numero 5), Germania (numero 7), Gran Bretagna (numero 10), Irlanda (numero 84) e Svizzera (numero 10)[6].

"Loverboy" arrivò al secondo posto di Billboard è diventò il singolo più venduto del 2001 negli USA, in parte grazie al prezzo di vendite ridotto[7]. Gli altri due singoli, "Never Too Far" e "Don't Stop (Funkin' 4 Jamaica)", non ebbero però altrettanto successo. Per "Last Night a DJ Saved My Life" fu anche girato un videoclip, poi accantonato dopo che la Virgin Records aveva licenziato la Carey. "Reflections (Care Enough)" e "Lead the Way" furono rilasciati in sola promozione radiofonica fuori degli USA, sebbene alcune copie del primo siano ancora in vendita in alcuni negozi americani. Entrambi sono disponibili su eBay.

La canzone "If We" fu rifatta nel 2004 da Damizza e richiamata "What Would You Do", con Cassidy, Nate Dogg e Mariah. Damizza litigò con Shade Sheist e lo sostituì con Cassidy nella versione singolo. Sheist rispose con un proprio remix intitolato "G-Mix", con Nune e la Carey. "What Would You Do" ebbe molto successo sulla West Coast, e la Carey la cantò anche durante un tour a Los Angeles, ma nel resto degli USA e in Europa non ottenne buoni risultati.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Tracce}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
# Titolo Autori Durata
1. "Loverboy" (Remix) - (Con la partecipazione di Da Brat, Ludacris & Shawna) Mariah Carey, Larry Blackmon, Thomas Jenkins 4:30
2. "Lead the way" Mariah Carey 3:53
3. "If we" Mariah Carey 4:20
4. "Didn't mean to turn you on" Jimmy Jam, Terry Lewis 4:54
5. "Don't stop (Funkin' for Jamaica)" (Con la partecipazione di Mystikal) Mariah Carey, DJ Clue, Mystikal 3:37
6. "All my life" Rick James 5:09
7. "Reflections" (Care enough) Mariah Carey, Philippe Pierre 3:20
8. "Last night a DJ saved my life" Michael Cleveland 6:43
9. "Want you" (Duetto con Eric Benèt) Mariah Carey, Jimmy Jam, Terry Lewis 4:43
10. "Never too far" Mariah Carey, Jimmy Jam, Terry Lewis 4:21
11. "Twister" Mariah Carey 2:26
12. "Loverboy" (Con la partecipazione di Cameo) Mariah Carey, Larry Blackmon, Thomas Jenkins 3:49

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Video Promo Radio Promo / Singolo Data di uscita USA Billboard Hot 100
Loverboy Loverboy 9 giugno, 2001 # 2
Loverboy (Remix) Giugno, 2001
Never too far Never too far 25 agosto, 2001 # 105
Don't stop (Funkin' for Jamaica) Don't stop (Funkin' for Jamaica) 20 ottobre, 2001 # 123
Never too far / Hero (Medley) Never too far / Hero (Medley) 22 dicembre, 2001 # 81

Posizioni in classifica[modifica | modifica wikitesto]

America del Nord Max
posizione
USA Billboard 200 7
Canada 4
Europa Max
posizione
Spagna 3
Francia 4
Italia 5
Germania 7
UK 10
Olanda 12
Austria 14
Oceania Max
posizione
Nuova Zelanda 11
Australia 13

<http>

</http>

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ InfoDisc : Les Certifications (Albums) du SNEP (Bilan par Artiste)
  2. ^ The Official Swiss Charts and Music Community
  3. ^ RIAA - Gold & Platinum Searchable Database - November 02, 2013
  4. ^ http://www.rollingstone.com/reviews/album/_/id/148748/mariahcarey?pageid=rs.ArtistDiscography&pageregion=triple1 Rollingstone.com
  5. ^ http://www.mariah-carey-fan.com/albgl.htm Mariah-carey-fan.com 16 agosto 2006
  6. ^ http://www.mcarchives.com/news/?id=1996 MCarchives.com
  7. ^ Cook, Shanon. "Mariah before breakdown -- 'It all seems like one continuous day'". CNN. 14 agosto 2001. Consultato il 17 marzo 2006.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione