Glinda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Glinda
Glinda.png
Universo Il meraviglioso mago di Oz
Lingua orig. Inglese
Autore L. Frank Baum
Sesso Femmina

Glinda è uno dei personaggi del libro di Frank Baum, "Il meraviglioso mago di Oz".

Glinda è una delle due streghe buone del mondo di Oz. Vive nella terra del Sud e precisamente in quella dei Quadling, dove tutto è dipinto color rosso. Benché molto anziana riesce, grazie alla sua magia, a rimanere giovane e bellissima, conservando i suoi capelli di una magnifica tonalità di rosso e i suoi dolcissimi occhi azzurri.

Dorothy e i suoi compagni, dopo aver sconfitto la malvagia Strega dell'Ovest decidono di recarsi da lei, su consiglio di un abitante della città di Smeraldo, per chiederle un lieto ritorno nel Kansas per la ragazzina, un desiderio che nemmeno il mago di Oz, svanito nel nulla con la sua mongolfiera nel vano tentativo, era riuscito ad esaudire. La strega buona accoglie i viandanti con tutti gli onori e rivela a Dorothy l'unico strumento in grado di realizzare il suo desiderio: le scarpette d'argento che ha portato sui piedi sin dal principio del suo viaggio. Spiega però alla giovane che, senza il suo aiuto, lo spaventapasseri, l'uomo di latta e il leone codardo non sarebbero mai riusciti a divenire realmente felici. Quando Dorothy, utilizzando la magia delle scarpe, ritorna a casa, Glinda, che ha preso possesso del cappello d'oro in grado di invocare le terribili scimmie volanti, chiede a questi bizzarri animali di condurre lo spaventapasseri nella città di smeraldo, l'uomo di latta nella terra dei Winkie, il leone nella foresta degli animali, dove potranno finalmente vivere come dei re.

Nel musical Wicked[modifica | modifica sorgente]

Nell'adattamento in musical del racconto di Gregory Maguire Wicked, Glinda è una delle due protagoniste della storia che si focalizza sulla sua relazione di amore/odio con Elphaba (la giovane donna che in seguito diventerà La malvagia Strega dell'Ovest). Così come nel racconto di Gregory Maguire, Glinda è caratterizzata dalla sua popolarità e ambizione tanto da essere chiamata inizialmente Galinda Upland (e che proviene dall'Upper Uplands). È descritta come "bionda" in ogni senso, al contrario invece della Glinda originale del film MGM del 1939 che aveva i capelli rossi. Questa differenza è dovuta ad una scelta del compositore Stephen Schwartz che creò su misura questa versione di Glinda specificatamente per l'attrice Kristin Chenoweth.

Quando Elphaba decide di ribellarsi al Mago di Oz, offre a Glinda la possibilità di unirsi a lei nella sua crociata, ma Glinda preferisce rimanere al sicuro e cogliere l'opportunità di una carriera politica con il Mago, arrivando infine a diventare "Glinda The Good". Il triangolo amoroso tra Glinda, Fiyero ed Elphaba distingue l'incarnazione di Glinda del musical. Glinda e il Principe Fiyero dalla reputazione "scandalosa" gravitano subito l'uno attorno all'altro come il sole con la terra, ma mentre Glinda convince tutti che loro due si amano, Fiyero rivaluta le sue priorità e diventa sempre più attratto dalla ora migliore amica di Glinda, Elphaba.

La cosa più significante, nel musical, è che Glinda inconsapevolmente mette in moto gli eventi che portano il Munchkin Boq a diventare l'uomo di latta (cosa che accade solo nel musical), e la sorella di Elphaba Nessarose (che diventerà La malvagia Strega dell'Est) che viene uccisa dalla imponente casa di Dorothy. Boq era uno spasimante non desiderato ma ardente che Glinda ha affibbiato convenientemente a Nessarose, la figlia del Governatore del Munchkin, che divenne così legata a lui tanto da schiavizzare gli abitanti del Munchkin solo per tenerlo con sé (cosa che le costò il titolo de "La malvagia Strega dell'Est"); Boq venne trasformato nell'uomo di latta da Elphaba che cercava di correggere un incantesimo sbagliato del Grimoire letto da Nessarose (per conquistare il cuore di lui facendogli dimenticare Glinda, ma invece facendogli perdere fisicamente il cuore). Non molto tempo dopo, Glinda era così furiosa della fuga amorosa di Elphaba e Fiyero, che suggerì al Mago e a Madame Morrible di diffondere una voce su Nessarose, facendo credere ad Elphaba che la sorella fosse in pericolo per poterla catturare. Il Mago e Madame Morrible decisero di portare il suggerimento di Glinda ad un livello superiore, con Morrible che creò il ciclone portatore della casa di Dorothy responsabile della morte di Nessarose.

Glinda alla fine capisce che Elphaba e Fiyero sono destinati a stare insieme e tenta di vendicare la presunta morte di Elphaba minacciando il Mago di mettere in mostra le sue frodi se non avesse acconsentito ad abbandonare Oz. Dopo aver fatto rinchiudere la malvagia Madame Morrible in prigione, Glinda segue le ore di Elphaba, cercando di riparare il danno arrecato alla terra di Oz e augurandosi di potersi veramente guadagnare il titolo di "Glinda The Good" con l'approvazione del popolo.

Il ruolo è stato originariamente interpretato da Kristin Chenoweth.

Altre attrici hanno poi interpretato questo ruolo tra cui Jennifer Laura Thompson, Megan Hilty, Kate Reinders, Kendra Kassebaum (attualmente l'attrice che per più tempo ha ricoperto questo ruolo), Annaleigh Ashford, Alli Mauzey, Erin Mackey, Katie Rose Clarke, Helen Dallimore, Dianne Pilkington, Lucy Durack, Gina Beck e Louise Dearman.

Ne film Il grande e potente Oz[modifica | modifica sorgente]

Nel film del 2013, diretto dal regista Sam Raimi, Glinda è uno dei personaggi principali, di cui si raccontano le origini all'arrivo del mago nel regno di Oz. È interpretata dall'attrice statunitense Michelle Williams. Nel film, il mago di Oz viene indotto a credere che Glinda sia la strega malvagia che ha ucciso il Re della Città di Smeraldo (il padre di Glinda), così viene inviato dalla ex consigliera reale Evanora a uccidere la giovane. Glinda spiega a Oz la verità, cioè che la vera assassina e strega malvagia è Evanora, e i due si alleano. Durante la battaglia finale, Glinda viene catturata da Evanora e da sua sorella Theodora, trasformata in un'orribile strega dalla pelle verde e senza cuore dalla stessa Evanora, che la torturano. Theodora viene sconfitta da Oz, mentre Glinda duella contro Evanora. A vincere è Glinda, che strappa la magica collana di smeraldo di Evanora, rendendola una vecchia orribile e deforme. Alla fine del film Glinda e Oz instaurano una relazione. Glinda è anche la controparte di un personaggio del mondo reale, Annie, cioè una vecchia fiamma di Oz.

Nel film è conosciuta per la sua bellezza e bontà; tiene molto al padre ormai defunto e vorrebbe riconquistare la fiducia di Theodora. Saggia e paziente, è una strega dotata di numerose abilità magiche (legate all'acqua e all'aria) e vuole solo il meglio per Oz.

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura