Gliese 783

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gliese 783 A/B
mappa della costellazione del Sagittariomappa della costellazione del Sagittario
Classificazione Sistema binario
Classe spettrale K2,5V / M5V
Distanza dal Sole 19,6 a.l.
Costellazione Sagittario
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 20h 11m 11s [1]
Declinazione −36° 06′ 04,36 ″ [1]
Dati fisici
Raggio medio 0,71 / 0,28 R
Massa
0,82 / 0,20 [2] M
Temperatura
superficiale
4 800 / K [3] (media)
Luminosità
0,23 / 0,00077 L
Età stimata 7-10 miliardi di anni [2].
Dati osservativi
Magnitudine app. +5,32 / +11,5 [3]
Magnitudine ass. +6,41 / +12,6 [3]
Velocità radiale −129,8 km/s[1]
Nomenclature alternative
HD 191408, HIP 99461 SAO 211885 [1]

Gliese 783 è un sistema binario scoperto come tale da John William Herschel, figlio dello scopritore di Urano, nella prima metà del XIX secolo. Le due stelle si trovano a circa 19,6 anni luce dal sistema solare[4], nella costellazione del Sagittario ed orbitano l'una rispetto all'altra ad una distanza di circa 43 UA. Il sistema è conosciuto anche come HJ (Herschel J.) 5173 ed è in avvicinamento al sistema solare; in 41 000 anni circa arriverà alla distanza di 6,75 anni luce dalla Terra[4], e a quel tempo sarà più luminosa di quanto non lo sia attualmente, con una magnitudine apparente di +3[5].

Gliese 783 A[modifica | modifica sorgente]

È una stella nana arancione di classe spettrale K2,5V, con il 70% della massa e l'80% del diametro del Sole, ma solo il 23% della sua luminosità. La sua metallicità è inferiore a quella solare (85%) e l'età stimata è di 6,4 miliardi di anni[2].

Per poter ospitare forme di vita, un pianeta con acqua liquida dovrebbe trovarsi a circa 0,69 UA, con un periodo orbitale di 226 giorni, quindi all'incirca alla stessa distanza di Venere dal Sole.

Gliese 783 B[modifica | modifica sorgente]

È una nana rossa di tipo M4V, con un quinto della massa del Sole, il 28% del suo diametro e 7 × 10−5  della sua luminosità. Attorno a questa stella, un pianeta per avere condozioni favorevoli alla vita dovrebbe trovarsi a meno di 0,1 UA di distanza e compiere una rivoluzione in appena 24 giorni. Ma a questa distanza dalla stella madre probabilmente il pianeta avrebbe una rotazione sincrona causata dal blocco mareale della vicina stella e volgerebbe sempre lo stesso emisfero verso di essa, rendendo le condizioni per la formazione della vita estremamente difficili[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d SIMBAD Astronomical Database.
  2. ^ a b c d J. Herschel 5173 AB Solstation.com
  3. ^ a b c www.wolframalpha.com. URL consultato il 27 giugno 2012.
  4. ^ a b Extended Hipparcos Compilation (XHIP) (Anderson+, 2012)
  5. ^ Nota la distanza e la magnitudine assoluta, la magnitudine apparente è data dalla formula: : \ m = M -5 + 5 \log_{10}d, dove \ d è la distanza dell'oggetto espressa in parsec.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni