Glicirrizina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Glicirrizina
Struttura chimica della glicirrizina
Nome IUPAC
acido (3-β,20-β)-20-carbossi-11-osso-30-norolean-12-en-3-il-
-2-O-β-D-glucopiranuronosil-α-D-glucopiranosiduronico
Nomi alternativi
glicirrizina
acido glicirrizinico
acido glicirrizico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C42H62O16
Massa molecolare (u) 822,94
Numero CAS [1405-86-3]
PubChem 14982
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)  ?
Temperatura di fusione 220 °C (493,15 K)
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

La glicirrizina è un glicoside saponinico triterpenoide che rappresenta il principio attivo dell'estratto di liquirizia. In forma acida non è particolarmente solubile in acqua, ma il suo sale di ammonio risulta solubile per valori di pH > 4.5.

In ambito farmacologico questo composto viene sfruttato come espettorante e come gastroprotettore nell'ulcera peptica. Trova anche utilizzo come dolcificante alimentare, essendo fino a 50 volte più dolce del saccarosio e rispetto al quale il gusto dolce viene percepito più tardi ma rimane più a lungo in bocca. Rispetto al dolcificante sintetico aspartame continua a conferire gusto dolce anche in seguito a riscaldamento. Effetti collaterali dovuti a sovradosaggio sono l'ipertensione e l'edema, dovuti all'accumulo di ioni sodio e acqua. L'uso è comunque sconsigliato per chi soffre di ipertensione arteriosa.

Dati che appaiono sull’American Journal of Epidemiology, le attribuiscono un aumento della probabilità di disordini cognitivi e del comportamento nei bambini di donne che ne abbiano fatto un largo consumo in gravidanza: secondo Seckl e Katri Räikkönen, del dipartimento di psicologia dell’Università di Helsinki, la glicirizzina può danneggiare la placenta, lasciando passare alcuni ormoni legati allo stress che vengono prodotti dall’organismo della madre.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 12.10.2012 riferita al sale d'ammonio
  2. ^ Katri Räikkönen, Pesonen Anu-Katriina, Heinonen Kati, et al., Maternal Licorice Consumption and Detrimental Cognitive and Psychiatric Outcomes in Children in Am. J. Epidemiol., vol. 170, n. 9, 2009, pp. 1137-46. DOI: 10.1093/aje/kwp272 .