Glicemia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Grafico sui valori della glicemia

La glicemia è il valore della concentrazione di glucosio nel sangue.

Misure e valori[modifica | modifica sorgente]

Lancette pungidito sterili
4 generazioni di glucometri

Il suo valore può essere espresso con diverse unità di misura in mg/dl o mmol/l. La normalità di tale valore è relativo alla assunzione di pasti e viene per tale ragione valutata una sua eventuale anormalità con tre metodiche.

  • La prima e più comune è il test glicemico casuale (detta Glicemia casuale) ovvero esaminando la glicemia senza avere informazioni sull'ultimo pasto effettuato. Con tale esame viene definito normale un valore inferiore a 200 mg/dl inoltre un aumento oltre tale soglia necessita anche di sintomi più specifici (polidipsia, poliuria, ...) per effettuare una diagnosi di diabete.
  • La seconda è la valutazione della Glicemia a digiuno, un esame molto più specifico da effettuare lontano dai pasti. Un valore normale è compreso tra i 65-100 mg/dl. Un valore compreso tra i 100-125 mg/dl pongono sospetto di Alterata glicemia a digiuno (IFG). Valori superiori a 125 mg/dl permette di fare diagnosi di diabete qualora tale condizione si riverificasse a una seconda misurazione.[1]
  • La terza, infine, è la metodica della OGTT ovvero Curva da carico di glucosio, un esame che permette di valutare sia la glicemia a digiuno (con il primo prelievo) sia la glicemia a 1 ora (utile nella diagnosi di diabete gestazionale) e la glicemia a 2 ore. Un valore a 2 ore superiore a 200 mg/dl (necessaria una seconda conferma) pone diagnosi di diabete. Un valore compreso tra i 140-200 mg/dl pongono sospetto di Alterata tolleranza al glucosio (IGT). Sotto tale valore si considera il soggetto normale.

La determinazione della glicemia si effettua sul sangue venoso, ma negli ultimi anni sono stati sviluppati apparecchi portatili (cosiddetti glucometri) che eseguono il controllo, in pochi secondi, su una goccia di sangue capillare prelevato dal polpastrello tramite la puntura di una lancetta pungidito: questo permette ai diabetici un migliore controllo della patologia con una minore insorgenza di complicanze.

Metabolismo alla base della glicemia[modifica | modifica sorgente]

Il glucosio ematico deriva dai carboidrati della dieta. Avendo già descritto i valori normali in soggetti normo nutriti, in digiuno protratto può tuttavia scendere a 60-70 mg/100 ml.

La glicemia è controllata da tutti i tessuti in modo più o meno diretto.

  • Fegato - Deposita e conserva il glucosio in eccesso (sotto forma di glicogeno epatico) e ne produce in caso di ridotto valore. Negli epatociti il glucosio entra liberamente indipendentemente da fattori ormonali. Per tale ragione il controllo è concentrazione-dipendente.
  • Pancreas - Nella porzione endocrina il pancreas secerne due ormoni altamente specifici sul controllo della glicemia, ovvero Insulina e Glucagone rispettivamente dalle cellule Beta e dalle cellule Alfa delle isole pancreatiche. Il glucosio sulle cellule Beta entra liberamente il quale causa una attivazione metabolica con conseguente rilascio di insulina dai granuli a ridosso della membrana. È nota tuttavia una glucotossicità e una lipotossicità sulle beta cellule, per cui oltre un valore il glucosio non è in grado di stimolare ulteriormente la beta cellula ma anzi la induce alla apoptosi. La insulina è un ipoglicemizzante (abbassa la glicemia) mentre il glucagone ha effetto opposto e ha effetto iperglicemizzante (innalza la glicemia).
  • Sistema nervoso - Non regola la glicemia, ma è opportuno ricordare come tali tessuti adoperino solo il glucosio come substrato metabolico, e una ipoglicemia grave è altamente neurotossica. Inoltre regola indirettamente la glicemia mediante l'appetito.
  • Ipofisi - Produce ormoni che tendono ad aumentare la glicemia agendo come antagonisti dell'insulina: l'ormone somatotropo (ormone della crescita o somatotropina, in sigla GH) e l'ormone adrenocorticotropo o corticotropina (ACTH). L'effetto principale dell'ACTH sul metabolismo carboidratico è dovuto alla stimolazione della secrezione di ormoni della corteccia surrenale, che produce vari ormoni steroidi, tra cui i glucocorticoidi, che alzano la glicemia tramite aumento dell'insulinoresistenza.
  • Tiroide - L'ipertiroidismo causa iperglicemia; l'ipotiroidismo invece ipoglicemia.
  • Reni - Eliminano glucosio (glicosuria) quando la glicemia venosa supera i 180 mg/dl (valore detto soglia renale per il glucosio). Sotto tale soglia i glomeruli renali riassorbono il glucosio reimmettendolo nel circolo ematico. Col tempo il rene tende a innalzare la soglia per cui soggetti diabetici hanno una soglia molto più alta di soggetti normali favorendo ulteriormente la iperglicemia.

Problematiche relative alla glicemia[modifica | modifica sorgente]

La normale concentrazione di zuccheri nel sangue di una persona adulta è complessivamente di 5 grammi. Per avere un termine di paragone, un cucchiaino di zucchero contiene 8 grammi di glucosio, e quindi un semplice caffè zuccherato o un dolcetto, specialmente fuori pasto, rappresentano per il corpo un'overdose di zuccheri. Per mantenere la glicemia entro livelli non letali, il pancreas produce insulina. Nel tempo il pancreas si "affatica" e le cellule diventano meno sensibili all'insulina, per cui ne occorrono quantitativi maggiori per ottenere i soliti effetti.

L'assimilazione dello zucchero e di altri carboidrati semplici necessita del supporto di sali minerali e di vitamina B1. La carenza di quest'ultima causa vari sintomi, come stitichezza o stanchezza. Tramite la glicosilazione, lo zucchero si lega alle proteine nelle cellule, stabilendo dei legami stabili, che costringono la cellula a produrre nuove proteine per potersi nutrire, con conseguente dispendio energetico.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ FAQ - Quali sono i livelli normali di glicemia? - Diabete.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina