Gli ultimi giganti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gli ultimi giganti
Titolo originale The Last Hard Men
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1976
Durata 98 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere western
Regia Andrew V. McLaglen
Soggetto Brian Garfield
Sceneggiatura Guerdon Trueblood
Produttore Walter Seltzer, Russell Thacher
Produttore esecutivo William Belasco
Casa di produzione Twentieth Century Fox Film Corporation
Fotografia Duke Callaghan
Montaggio Fred A. Chulack
Effetti speciali Paul Stewart
Musiche Jerry Goldsmith
Scenografia Edward C. Carfagno (art director)
Bob Signorelli (set decorator)
Trucco Lon Bentley, Adele Taylor
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Gli ultimi giganti (The Last Hard Men) è un film del 1976 diretto da Andrew V. McLaglen.

È un film western statunitense con Charlton Heston, James Coburn, Christopher Mitchum e Barbara Hershey. È basato sul romanzo del 1969 Gun Down di Brian Garfield.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, diretto da Andrew V. McLaglen su una sceneggiatura di Guerdon Trueblood con il soggetto di Brian Garfield (autore del romanzo),[1] fu prodotto da Walter Seltzer e Russell Thacher per la Twentieth Century Fox Film Corporation[2] e girato a Old Tucson e nel Pena Blanca Canyon in Arizona.[3] Il titolo di lavorazione fu Burgade.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito con il titolo The Last Hard Men negli Stati Uniti dal 1º giugno 1976 (première a New York il 23 aprile 1976)[4] al cinema dalla Twentieth Century Fox Film Corporation.[2]

Altre distribuzioni:[4]

  • in Francia il 14 luglio 1976 (La loi de la haine)
  • nei Paesi Bassi il 26 agosto 1976 (De laatste schietgiganten)
  • in Finlandia il 26 novembre 1976
  • in Danimarca il 28 gennaio 1977 (De sidste hårde mænd)
  • in Portogallo il 5 agosto 1977 (A Lei do Ódio)
  • in Svezia il 22 agosto 1977 (De vilda männen)
  • in Norvegia il 17 gennaio 1978
  • in Turchia nel marzo del 1982 (Seni gömmeye geldim)
  • in Canada (La loi de la haine)
  • in Germania Ovest (Der Letzte der harten Männer)
  • in Spagna (Los últimos hombres duros)
  • in Grecia (O nomos tou misous)
  • in Romania (Ultima urmarire)
  • in Slovenia (Zakon sovrastva)
  • in Italia (Gli ultimi giganti)

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Morandini il film è "ricorda anche la spietatezza repellente del western all'italiana, più nei modi che nei contenuti". Morandini segnala inoltre l'interpretazione di Parks.[5]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Le tagline sono:[6]

  • "The Last Hard Men... one of them is going to die hard!".
  • "Too Mean to Forgive... Too Mad to Forget!".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gli ultimi giganti - IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 15 marzo 2013.
  2. ^ a b (EN) Gli ultimi giganti - IMDb - Crediti per le compagnie. URL consultato il 15 marzo 2013.
  3. ^ (EN) Gli ultimi giganti - IMDb - Luoghi delle riprese. URL consultato il 15 marzo 2013.
  4. ^ a b c (EN) Gli ultimi giganti - IMDb - Date di uscita. URL consultato il 15 marzo 2013.
  5. ^ Gli ultimi giganti - MYmovies. URL consultato il 15 marzo 2013.
  6. ^ (EN) Gli ultimi giganti - IMDb - Tagline. URL consultato il 15 marzo 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema