Gli anni (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gli anni
Titolo originale The Years
Autore Virginia Woolf
1ª ed. originale 1937
Genere romanzo
Lingua originale inglese

Gli anni (The Years) è un romanzo di Virginia Woolf del 1937 l'ultimo pubblicato quando lei era ancora in vita.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo ripercorre la storia della famiglia Pargiter famiglia dal 1880 all"oggi" della metà del 1930. Anche se a cavallo di cinquanta anni, il romanzo non si presenta stilisticamente come un poema epico nel campo di applicazione, concentrandosi invece sui piccoli dettagli privati della vita dei vari personaggi. Fatta eccezione per la prima, ogni sezione si svolge su un unico giorno del titolare anno e ogni anno è definito da un momento particolare nel ciclo delle stagioni. All'inizio di ogni sezione, e talvolta con una transizione all'interno delle sezioni, la Woolf descrive l'evoluzione di tutta la Gran Bretagna, tenendo in esame sia l'evoluzione di Londra e della campagna come dagli occhi di un uccello in volo prima di concentrarsi con cura sui suoi caratteri. Anche se queste descrizioni si spostano spesso in tutta l'Inghilterra con un solo paragrafo, raramente e brevemente ampliano il loro punto di vista al mondo fuori della Gran Bretagna.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo ha avuto il suo inizio durante una lezione del 1931 tenuta da Virginia Woolf per le donne di servizio. Dopo aver recentemente pubblicato Una stanza tutta per sé, l'autrice pensò di fare questo discorso, la base di un secondo libro di saggi sulle donne, questa volta però per prendere una visione più ampia della loro vita economica e sociale, piuttosto che concentrarsi sulle donne come artisti, quanto già fatto nello scritto precedente. Tuttavia, subito dopo l'inizio previsto ha avuto l'idea di aggiungere una serie di illustrazioni fittizio per loro. Ha ideato l'originale forma di un "romanzo-saggio", in cui ogni saggio sarebbe seguita da un passaggio novellistico - presentato come estratto da un immaginario più romanzato - che semplifica le idee esplorate nel saggio. Inizialmente chiamò il libro I Pargiter.

Tra l'ottobre e il dicembre del 1932, la Woolf ideò sei saggi e creò alcuni dei principali personaggi fittizi "estratti" per i Pargiters. Ma entro la fine del febbraio 1933 aveva cancellato il quadro teorico del suo "romanzo-saggio" e iniziato a rielaborare il libro come pura finzione. Alla fine, in base allo sviluppo definitivo della trama e dell'opera, il titolo fu cambiato in quello definitivo.