Gli amori folli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gli amori folli
Gli amori folli.png
Sabine Azéma in una scena del film
Titolo originale Les herbes folles
Paese di produzione Francia, Italia
Anno 2009
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Alain Resnais
Soggetto Christian Gailly
Sceneggiatura Alex Reval, Laurent Herbiet
Fotografia Eric Gautier
Montaggio Hervé de Luze
Musiche Mark Snow
Scenografia Jacques Saulnier
Interpreti e personaggi

Gli amori folli (Les herbes folles) è un film del 2009 diretto da Alain Resnais.

Con quest'opera il regista ultraottantenne riceve un premio speciale della giuria al Festival di Cannes 2009, nel quale il film è anche stato nominato per la Palma d'oro, andata poi a Il nastro bianco di Michael Haneke.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Marguerite viene scippata mentre esce da un negozio nel quale aveva appena acquistato un paio di scarpe. Il ladro, dopo essersi tenuto i soldi, getta il portafoglio a terra in un parcheggio di un centro commerciale; l'oggetto viene recuperato da Georges, uomo sulla cinquantina sposato con figli.

Da quel momento Georges, dopo aver consegnato il taccuino alla polizia, comincerà a compiere gesti piuttosto irrazionali come turbare telefonicamente e con lettere la donna o tagliarle le gomme dell'auto.

Marguerite, spazientita, si rivolge alla Polizia per segnalare le molestie anche se non vuole sporgere denuncia, dal momento che avverte in Georges un atteggiamento affettuoso anche se esagerato. Conoscerà la moglie e li inviterà a volare su un piccolo aereo da turismo. Lei infatti ha la passione per il volo e possiede anche un velivolo. Davanti all'entusiasmo di Marguerite, Georges non potrà fare altro che accettare questo compromesso.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema