Glaucium flavum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Papavero giallo
Glaucium flavum01.jpg
Glaucium flavum
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Papaverales
Famiglia Papaveraceae
Genere Glaucium
Specie G. flavum
Classificazione APG
Ordine Ranunculales
Famiglia Papaveraceae
Nomenclatura binomiale
Glaucium flavum
Crantz, 1763
Sinonimi

Glaucium luteum (Scop.)
Glaucium fulvum Sm.
Glaucium glaucum Moench
Glaucium maritimum Bernh.
Chelidonium glaucium L.

Il Papavero giallo (Glaucium flavum Crantz, 1763) è una pianta erbacea della famiglia delle Papaveracee, diffusa nelle zone costiere del bacino del Mediterraneo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

185 Glaucium flavum.jpg

È una specie emicriptofita scaposa, biennale ma talora perennante, alta da 30 a 90 cm.

Il fusto è eretto, glabrescente, di colore verde glauco e se spezzato emette un latice denso di colore giallastro.

Le foglie sono alterne, ricoperte su entrambe le pagine di una peluria bianca, con margini lievemente ondulati. Le foglie basali, pennatosette, hanno un corto picciolo, le cauline sono sessili, progressivamente più corte e lobate.

I fiori ermafroditi e solitari, hanno un diametro di 4 -7 cm, con 2 sepali caduchi e corolla composta da 4 petali obovati, di colore giallo talvolta con sfumature arancio alla base. L'ovario è uniloculare. Fiorisce da maggio a ottobre

Il frutto è una capsula grossolanamente cilindrica, talora ripiegata a forma di corno, con una estremità a punta di freccia, lunga 15-30 cm, formato da due valve che si aprono a maturità per rilasciare i numerosi semi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è diffusa sulle coste del mar Mediterraneo ma anche sulla coste europee dell'Atlantico e nel canale della Manica, dal livello del mare sino a circa 800 m di altitudine

Si tratta di una specie nitrofila, che popola le scogliere e le dune costiere. Si può anche trovare ai margini dei campi coltivati o di terreni incolti.

Principi attivi[modifica | modifica wikitesto]

La glaucina è il principale alcaloide contenuto nella pianta [1]. Ha proprietà broncodilatatrici e antiinfiammatorie, agendo come inibitore della fosfodiesterasi e calcio-antagonista [2]. Per queste sue proprietà viene talora impiegata, per lo più in forma di idrocloridrato di glaucina, come sedativo della tosse [3]. Può avere effetti collaterali come sedazione, astenia e può rivelarsi un allucinogeno in grado di stimolare sensazioni visive particolarmente colorate [4][5]. Per tale caratteristica è talora utilizzata come sostanza d'abuso [6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G.B. Lapa; O.P. Sheichenko; A.G. Serezhechkin and O.N. Tolkachev, HPLC Determination of Glaucine in Yellow Horn Poppy Grass (Glaucium flavum Crantz) in Pharmaceutical Chemistry Journal, vol. 38, nº 1, agosto 2004, pp. 441-442, DOI:10.1023/B:PHAC.0000048907.58847.c6, ISSN 0091-150X.
  2. ^ Cortijo J, Villagrasa V, Pons R, Berto L, Martí-Cabrera M, Martinez-Losa M, Domenech T, Beleta J, Morcillo EJ. Bronchodilator and anti-inflammatory activities of glaucine: In vitro studies in human airway smooth muscle and polymorphonuclear leukocytes. British Journal of Pharmacology. 1999 Aug;127(7):1641-51. PMID 10455321
  3. ^ Rühle KH, Criscuolo D, Dieterich HA, Köhler D, Riedel G. Objective evaluation of dextromethorphan and glaucine as antitussive agents. British Journal of Clinical Pharmacology. 1984 May;17(5):521-4. PMID 6375709
  4. ^ Rovinskiĭ VI. A case of hallucinogen-like action of glaucine. (Russian). Klinicheskaia Meditsina (Mosk). 1989 Sep;67(9):107-8. PMID 2586025
  5. ^ Rovinskiĭ VI. Acute glaucine syndrome in the physician's practice: the clinical picture and potential danger. (Russian). Klinicheskaia Meditsina (Mosk). 2006;84(11):68-70. PMID 17243616
  6. ^ Dargan PI, Button J, Hawkins L, Archer JR, Ovaska H, Lidder S, Ramsey J, Holt DW, Wood DM. Detection of the pharmaceutical agent glaucine as a recreational drug. European Journal of Clinical Pharmacology. 2008 May;64(5):553-4. PMID 18204834

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica