Glastonbury Tor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Glastonbury Tor
Glastonbury Tor.jpg
Glastonbury Tor
Stato Regno Unito Regno Unito
Regione Somerset
Altezza 158 m s.l.m.
Catena Somerset Levels
Coordinate 51°08′36″N 2°41′57″W / 51.143333°N 2.699167°W51.143333; -2.699167Coordinate: 51°08′36″N 2°41′57″W / 51.143333°N 2.699167°W51.143333; -2.699167
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Glastonbury Tor

Glastonbury Tor è una collina nei pressi di Glastonbury, nella contea di Somerset, Inghilterra; al culmine della collina è presente un edificio privo di tetto, la Torre di San Michele. L'intero sito è controllato dal National Trust.[1]

Tor è un termine di origine celtica che significa "collina". Questa elevazione ha una posizione dominante all'interno di una pianura chiamata Summerland Meadows, circondata su tre lati dal fiume Brue. Nel 1892 vi si ritrovarono i resti di un antico insediamento risalente all'età del ferro;[2] si hanno inoltre prove di una posteriore occupazione di epoca romana.[3]

I britanni la conoscevano con il nome di Ynys yr Afalon ("Isola di Avalon", probabilmente "Isola delle mele"[4]), circostanza che spinge alcuni ad identificarla con la leggendaria Avalon del ciclo di Re Artù.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni reperti risalenti al neolitico ritrovati sulla collina testimoniano che il luogo è stato visitato e forse occupato durante la preistoria. Gli scavi archeologici effettuati tra il 1964 e il 1966 portarono alla luce testimonianze risalenti all'Alto Medioevo, quali due daghe, due tombe con orientamento nord-sud (inusuali alle pratiche cristiane) e frammenti di anfore del VI secolo costruite nel bacino del Mediterraneo.[6]

Torre di San Michele

Resti di un forte del V secolo sono stati ritrovati sul sito. Il luogo fu in seguito occupato dalla chiesa medievale di San Michele Arcangelo, distrutta nel 1275 da un fortissimo terremoto. Una targa affissa sulla torre ricostruita posteriormente testimonia l'evento.[7] Una chiesa successiva, costruita nel 1360, sopravvisse fino alla dissoluzione dei monasteri del 1539, quando la collina divenne il luogo dell'esecuzione capitale di Richard Whiting, ultimo abate dell'Abbazia di Glastonbury, e di due suoi monaci[8]

I resti della torre di San Michele sono stati restaurati in tempi moderni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Glastonbury Tor nel sito del National Trust. URL consultato il 16 agosto 2011.
  2. ^ (EN) Scheda nel sito della Somerset Historic Environment. URL consultato il 16 agosto 2011.
  3. ^ Koch, pag. 815
  4. ^ Koch, pag. 147
  5. ^ (EN) University of Idaho - An Archeological Quest for the 'real' King Arthur. URL consultato il 16 agosto 2011.
  6. ^ (EN) The Glastonbury Tor Maze. URL consultato il 28 agosto 2011.
  7. ^ New Scientist
  8. ^ (EN) BBC - Glastonbury Town and Tor, Somerset, UK. URL consultato il 29 agosto 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John T. Koch, Celtic culture: a historical encyclopedia, ABC-CLIO, 2006, p. 2.128, ISBN 978-1-85109-440-0.
  • (EN) New Scientist Magazine, Vol. 100, Num. 1380, Reed Business Information, Ottobre 1983.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]