Giuturna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tempio di Giuturna nel Campo Marzio ora Largo di Torre Argentina per celebrare la vittoria nella Battaglia delle Isole Egadi.

Nella mitologia romana Giuturna (lat. Iuturna) è una ninfa delle fonti.

Virgilio (Eneide XII 146) racconta che Giuturna era figlia di Dauno e sorella di Turno. Ella prende l'aspetto del defunto condottiero italico Camerte per radunare l'esercito dei Rutuli e mandarlo quindi all'attacco contro i Troiani. Successivamente cerca di proteggere il fratello nel duello che questi intraprende contro Enea, ma alla fine è costretta ad abbandonarlo al suo destino per ordine di Giove: infelice si strappa i capelli e si percuote nel volto e nel petto, disperandosi perché non può morire con lui (...possem tantos finire dolores / nunc certe et misero fratri comes ire per umbras, XII 880-881). Giuturna, proprio per la sua condizione divina, è ben consapevole fin dall'inizio della sorte che incombe sul fratello Turno. Tale condizione apparentemente privilegiata è per lei una condanna che la spingerà a estremi tentativi di posticipare, dal momento che non può evitare, la morte del fratello. Immortalis ego, ovvero, "proprio io devo essere immortale" sono le parole che meglio incarnano il suo dramma.

Secondo la leggenda fu amata da Giove che le offrì l'immortalità ed il dominio sui corsi d'acqua. Secondo un'altra versione fu moglie di Giano, dal quale ebbe Fons.

Il suo culto è probabilmente originario di Lavinio, dove è ricordata una fonte Iuturna. Nel Foro romano esiste un Lacus Iuturnae, vicino al Tempio di Vesta.

A Roma Giuturna aveva un tempio a lei consacrato, che probabilmente è da identificare con il tempio A dell'area sacra di Largo di Torre Argentina. L'edificio fu costruito nel 241 a.C., come voto di Gaio Lutazio Catulo per la vittoria conseguita su Cartagine nella Battaglia delle Isole Egadi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]