Giuseppina Teresa di Lorena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppina Teresa di Lorena
La principessa Giuseppina di Lorena
La principessa Giuseppina di Lorena
Principessa consorte di Carignano
In carica 1778 –
2 agosto 1797
Predecessore Cristina Enrichetta d'Assia-Rotenburg
Successore Maria Cristina di Sassonia
Nome completo Marie Joséphine Thérèse de Lorraine
Altri titoli Principessa di Lorena
Nascita 26 agosto 1753
Morte Torino, 2 agosto 1797
Luogo di sepoltura Basilica di Superga
Dinastia Lorena
Padre Luigi di Lorena, principe di Brionne
Madre Louise Julie Constance de Rohan
Consorte Vittorio Amedeo II di Savoia-Carignano
Figli Carlo Emanuele

Giuseppina (Marie Joséphine Thérèse) di Lorena, ricordata come Joséphine de Lorraine (26 agosto 1753Torino, 2 agosto 1797), fu una principessa della Casa di Lorena per nascita, e principessa di Carignano per matrimonio. Fu la nonna paterna di Carlo Alberto di Savoia, dal quale discende l'attuale Casa Savoia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Maria Giuseppina Teresa di Lorena, figlia di Luigi di Lorena, principe di Brionne, pronipote di Enrico di Lorena, nacque secondogenita di quattro figli. Suo padre era esponente della Casata dei Guisa, ramo cadetto della Casata di Lorena inglobata nella Casa di Asburgo quando l’ultimo erede maschio sposò Maria Teresa d'Austria. Quale discendente della Casata dei Guisa, Giuseppina ebbe diritto al titolo di Sua Altezza. Sua madre discendeva dalla Casata di Rohan, una delle più potenti famiglie di Francia.

Unica tra i suoi fratelli ad avere figli, sposò il Principe Vittorio Amedeo II di Savoia-Carignano nel 18 ottobre 1768. La coppia diede alla luce un erede esattamente due anni dopo il matrimonio: a Torino il 24 ottobre 1770 nacque Carlo Emanuele di Savoia-Carignano.

Giuseppina morì a Torino a Palazzo Carignano, residenza dei Principi di Carignano, all’età di 43 anni nel 1797. Fu sepolta nella Cattedrale di Torino fino al 1816 quando venne trasportata nella Basilica di Superga durante il regno di Vittorio Emanuele I di Sardegna.

Fu instancabile viaggiatrice, autrice di romanzi (mai pubblicati) vicina alle idee illuministiche, promosse salotti letterari e incontri filosofici su temi di giustizia sociale e religione. Promosse la trasformazione del parco del Castello Reale di Racconigi, affidando la direzione dei lavori al Pregliasco.

I suo fratelli furono:

  • Carlo Eugenio di Lorena, principe di Lambesc (25 settembre 1751 – 11 novembre 1825), ambasciatore austriaco che accompagnò Maria Antonietta in Francia nel 1770; morì dopo due matrimoni senza eredi;
  • Anna Carlotta di Lorena, Mademoiselle de Brionne (11 novembre 1755 – 22 maggio 1786), nubile.
  • Giuseppe di Lorena (23 giugno 1759 – 29 marzo 1812)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]