Giuseppe Zanoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Busto di Giuseppe Zanoia.
Facciata del Duomo di Milano

Giuseppe Zanoia (Genova, 1752Omegna, 1817) è stato un architetto, poeta e religioso italiano.

Canonico presso la basilica di Sant'Ambrogio a Milano, svolse anche l'attività di insegnamento presso l'Accademia di Brera e fu amico di Giuseppe Parini.

In architettura privilegiò lo stile neoclassico, riscontrabile ad esempio nella Porta Nuova, eseguita a Milano tra il 1810 ed il 1813. Tuttavia quando fu chiamato alla fabbrica del Duomo meneghino realizzò, in collaborazione con Carlo Amati, il progetto per la facciata in stile goticizzante, con un disegno non dissimile da quello proposto da Carlo Felice Soave nel 1791. A lui si deve anche il rifacimento dell'interno e dell'esterno del Palazzo Archinto di via Olmetto a Milano, che era stato progettato dal Richini.

Fu autore di diversi altari di chiese milanesi, fra le quali si possono segnalare San Tomaso in Terramara e la demolita San Nazaro in Pietrasanta

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino, Einaudi, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]