Giuseppe Vaiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Salvatore Vaiana

Giuseppe Salvatore Vaiana (Prizzi, 1 gennaio 1935Palermo, 25 agosto 1991) è stato un astrofisico italiano.

Dal 1964 al 1981 ha lavorato con il Premio Nobel per la fisica Riccardo Giacconi a Cambridge nel Massachusetts, dapprima nel gruppo AS&E (American Science and Engineering) su Skylab e in seguito presso l'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.

Nel corso degli anni di ricerca svolti negli Stati Uniti e in seguito in Italia, nel periodo successivo in cui è stato direttore dell'Osservatorio Astronomico di Palermo, ha dato importanti contributi all'evoluzione di molti campi dell'astronomia solare e stellare.[1]

Questi includono:

  • la progettazione e lo sviluppo dei primi telescopi a raggi X che lo videro protagonista nella ripresa della prima immagine della corona solare nei raggi X (1968);
  • lo studio della formazione e della evoluzione delle strutture fisiche della corona durante diverse rotazioni solari all'interno del gruppo di astronomia solare, di cui era il coordinatore, nella missione Skylab (1973);
  • lo studio nei raggi X delle corone di tutte le stelle della sequenza principale con l'Osservatorio Einstein (1979);
  • il progetto completo di tutta la metodologia di indagine di una missione spaziale nei raggi X per la spettroscopia stellare (1981).

Dopo la sua morte prematura, avvenuta per un infarto improvviso nel 1991, gli è stato intitolato l'Osservatorio Astronomico di Palermo, che oggi si chiama Osservatorio Astronomico di Palermo "G.S. Vaiana".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giacconi, op. cit., pp. 3-19

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Riccardo Giacconi, G.S. Vaiana memorial lecture in ed. da J. F. Linsky e S. Serio (a cura di), Proceedinds of Physics of Solar and Stellar Coronae: G.S. Vaiana Memorial Symposium, Kluwer Academic Publishers-Printed in the Netherlands, 1992. ISBN 0-7923-2346-7.