Giuseppe Monnanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Monnanni (Arezzo, 27 febbraio 1887Milano, 4 dicembre 1952) è stato un giornalista, editore e anarchico italiano.


biografia[modifica | modifica sorgente]

Giuseppe Monnanni, divenuto poi Monanni, è stato pubblicista di grande valore, editore-libraio, tipografo.

Nato ad Arezzo da Pietro Monnanni e Luisa Ciampolini. I genitori erano devoti cattolici e avrebbero voluto che il giovane Giuseppe entrasse in seminario. Il giovane Monanni però era interessato alla politica ed iniziò la sua attività giornalistica. V’è traccia dalla rivista Vir, da lui fondata nel 1907, collaboratori Baldazzi, Sem Benelli, Oberdan Gigli; poi più tardi nel Grido della Folla con Gavilli e Leda Rafanelli.

Pubblica riviste a Firenze e poi diventa editore a Milano con la Casa Editrice Sociale, poi casa Editrice Monanni, in viale Monza 77. Pubblica per la prima volta in Italia l'opera completa di Nietzsche, gli umoristi inglesi e testi di filosofia e sociologia.

Ha librerie antiquarie nel centro di Milano, in via Dante, in via Broletto. Nel 1946 ricopre il prestigioso incarico di direttore editoriale alla Rizzoli e fonda la BUR.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Giorgio Sacchetti, Monnanni Giuseppe in www.societastoricaretina.org