Giuseppe Dalla Vedova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
« Il carattere precipuo che distingue la geografia dalle così dette "scienze affini" deriva da due ordini di indagini peculiari alla nostra scienza: quella della distribuzione dei vari fatti e fenomeni che hanno sede sulla superficie terrestre e quella delle reciproche connessioni fra questi diversi fatti e fenomeni. »
(Giuseppe Dalla Vedova)
sen. Giuseppe Dalla Vedova
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Luogo nascita Padova
Data nascita 29 gennaio 1834
Luogo morte Padova
Data morte 21 settembre 1919
Titolo di studio Laurea in storia e filologia
Laurea in filosofia
Professione Docente universitario
Legislatura XXIII

Giuseppe Dalla Vedova (Padova, 29 gennaio 1834Roma, 21 settembre 1919) è stato un geografo italiano, considerato tra i principali contributori della geografia moderna, ed un senatore del Regno. Fu presidente della Società Geografica Italiana dal 1900 al 1906 e ne era già stato segretario dal 1877 al 1896.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo studi classici, seguì a Vienna gli insegnamenti di geografia (allora tenuti presso i corsi di filosofia) di Friedrich Simony. Si dedicò all'insegnamento e cominciò a scrivere pubblicazioni, sino al "Delle origini e dei progressi della geografia fisica", 1868, che gli valse notorietà nell'ambito scientifico. Nel 1872 ebbe la cattedra di geografia all'università di Padova, e se ne ricorda il discorso di insediamento, noto come "La geografia ai giorni nostri".

Nel 1875 fu nominato direttore del neo-istituito Museo d'istruzione e di educazione di Roma e docente di geografia presso l'università La Sapienza, di cui sarebbe stato rettore nell'anno accademico 1895-1896.

Al Metternich, che aveva definito l'Italia "una mera espressione geografica", replicò: «L'espressione geografica è creata... dalla comunanza e dall'armonico temperamento di condizioni fisiche, di prodotti, di bisogni, d'interessi, di tradizioni, d'origini; l'espressione geografica rappresenta una specie di organismo, e gli organismi hanno in sé la ragione e il diritto della propria esistenza».

Nel 1907 aderì alla Società Italiana per il Progresso delle Scienze, del cui Comitato sezionale centrale per la geografia fu presidente. Fu membro della Società Geologica Italiana e dell'Accademia dei Lincei. Nel 1909 fu nominato senatore.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia

Opere[modifica | modifica sorgente]

Testi:

    • Apologia di Dante: scritta intorno al 1575 dal Padovano Sperone Speroni, Padova, P. Prosperini, 1865
    • Reale Società geografica: cenni cronistorici, presso la Società geografica italiana, Firenze, MDCCCLXVII (1867)
    • Delle origini e dei progressi della geografia fisica", 1868
    • La geografia a'nostri giorni, Firenze, Direzione della Nuova Antologia, 1873
    • In mezzo ai ghiacci: viaggi celebri al polo nord di Sir John Franklin, Kane, Mac Clintock, Hayes, Hall, Tyson, Hegemann, Koldevey, Payer e Weyprecht, Nordenskjold e Nares, Milano, Fratelli Treves, 1880
    • Pellegrino Matteucci e il suo diario inedito, in Bollettino della Società Geografica Italiana, Roma, sett. 1885
    • Il conte L. Palma di Cesnola e il Museo Metropolitano di New York., Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 1899
    • Catalogo metodico della biblioteca sociale (1868-1901), presso la Società geografica italiana, Firenze, 1903
    • La Società geografica italiana e l'opera sua nel secolo XIX. Con 12 tavole fuori tésto, presso la Società geografica italiana, Firenze, 1904
    • Scritti geografici, 1863-1913: scelti coordinati e ripubblicati a cura d'un Comitato di geografi in occasione dell'80⁰ genetliaco dell'autore (29 gennaio 1914), Novara, Istituto Geografico de Agostini, 1914
Cartografia originale
Cartografia derivata

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Filippo Porena, Scritti di geografia e di storia della geografia concernenti l'Italia, Firenze, Tip. M. Ricci, 1908.
  • Ilaria Luzzana Caraci, A sessant'anni dalla morte di Giuseppe Dalla Vedova, Genova, Università di Genova, Facoltà di magistero, 1978.
  • Ilaria Luzzana Caraci, Giuseppe dalla Vedova primo Presidente Geografo della Società Geografica Italiana. Bollettino della Società geografica italiana - 2001
  • Amedeo Benedetti - Paolo Maggiolo, Giuseppe dalla Vedova. Da Padova alla Società Geografica Italiana, in "Padova e il suo territorio", a. XXV, n. 146, agosto 2010, pp. 27–29.