Giuseppe Cindolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Cindolo
Giuseppe Cindolo.JPG
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità maratona
mezzofondo
Record
10000 metri 1.5.71 28:49.6
maratona 25.04.74 2:15.41
maratona 7.12.75 2:11.45
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Bronzo Roma 1974 10000m
 

Giuseppe Cindolo detto Pippo (Avellino, 5 agosto 1945) è un ex atleta italiano.

Carriera agonistica[modifica | modifica sorgente]

  • Atleta olimpionico di origini irpine, fondista e mezzofondista, terzo nei 10000 metri ai Campionati Europei di Roma del 1974, con oltre 30 titoli italiani, 48 volte in nazionale di cui due da capitano, Cindolo è uno dei grandi pionieri della grande scuola podistica italiana.
  • Nel 1971 ai Campionati Nazionali Universitari si aggiudica il titolo universitario dei 10000 metri piani stabilendo, primo atleta italiano a scendere sotto la barriera dei 29 minuti, il nuovo record italiano della specialità (28:49.6)
  • Campione italiano di maratona negli anni 1974, 1975, 1976.
  • Recordman di maratona: 2.15.41 (25 aprile 1974); 2.11.45 (7 dicembre 1975)
  • Campione italiano dei 10000 metri piani dal 1969 al 1975
  • Campione italiano dei 5000 metri piani nel 1974 e nel 1975
  • Campione italiano di mezza maratona nel 1974
  • Campione italiano di corsa campestre nel 1973
  • Medaglia di Bronzo nei 10000 metri piani ai Campionati europei di atletica leggera 1974, tenutisi a Roma, specialità nella quale un italiano non vinceva una medaglia dal 1938

La sfortuna degli ultimi anni: dalla pista alla strada[modifica | modifica sorgente]

Pippo a trent'anni decide di dedicarsi completamente alla maratona.

Alla XXI Olimpiade di Montréal del '76 è tra i favoriti per la vittoria finale: alla maratona di Fukuoka è quarto stabilendo con 2h 11'45” il miglior tempo italiano di sempre, record che rimarrà imbattuto fino al 1981. Nonostante l'ottima partenza al decimo chilometro, Cindolo però si infortuna gravemente ed è costretto a ritirarsi.

Non si arrende e alla vigilia della XXII Olimpiade di Mosca è ancora tra i favoriti. Ma la sfortuna non molla il campione avellinese: un cane lo assale mentre si allena e Pippo cade fratturandosi un braccio.

Gli impegni attuali[modifica | modifica sorgente]

È attualmente presidente della Federazione Italiana Educatori Fisici e Sportivi (FIEFS)[1] e vicepresidente vicario delle Associazioni Benemerite riconosciute dal CONI[2]. Inoltre è docente ordinario di Atletica Leggera presso la Facoltà di Scienze Motorie dell'Università di Urbino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ FIEFS - Federazione italiana educatori fisici e sportivi | FIEFS
  2. ^ Comitato Olimpico Nazionale Italiano : Associazioni Benemerite

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]