Giuseppe Cindolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Cindolo
Giuseppe Cindolo.JPG
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità maratona
mezzofondo
Record
10000 metri 1.5.71 28'27"05
maratona 25.04.74 2:15.41
maratona 7.12.75 2:11.45
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Bronzo Roma 1974 10000m
 

Giuseppe Cindolo detto Pippo (Avellino, 5 agosto 1945) è un ex atleta italiano.

Carriera agonistica[modifica | modifica sorgente]

  • Atleta olimpionico di origini irpine, fondista e mezzofondista, terzo nei 10000 metri ai Campionati Europei di Roma del 1974, con oltre 30 titoli italiani, 48 volte in nazionale di cui due da capitano, Cindolo è uno dei grandi pionieri della grande scuola podistica italiana.
  • Nel 1971 ai Campionati Nazionali Universitari si aggiudica il titolo universitario dei 10000 metri piani stabilendo, primo atleta italiano a scendere sotto la barriera dei 29 minuti, il nuovo record italiano della specialità (28:49.6)
  • Campione italiano di maratona negli anni 1974, 1975, 1976.
  • Recordman di maratona: 2.15.41 (25 aprile 1974); 2.11.45 (7 dicembre 1975)
  • Campione italiano dei 10000 metri piani dal 1969 al 1975
  • Campione italiano dei 5000 metri piani nel 1974 e nel 1975
  • Campione italiano di mezza maratona nel 1974
  • Campione italiano di corsa campestre nel 1973
  • Medaglia di Bronzo nei 10000 metri piani ai Campionati europei di atletica leggera 1974, tenutisi a Roma, specialità nella quale un italiano non vinceva una medaglia dal 1938

La sfortuna degli ultimi anni: dalla pista alla strada[modifica | modifica sorgente]

Pippo a trent'anni decide di dedicarsi completamente alla maratona.

Alla XXI Olimpiade di Montréal del '76 è tra i favoriti per la vittoria finale: alla maratona di Fukuoka è quarto stabilendo con 2h 11'45” il miglior tempo italiano di sempre, record che rimarrà imbattuto fino al 1981. Nonostante l'ottima partenza al decimo chilometro, Cindolo però si infortuna gravemente ed è costretto a ritirarsi.

Non si arrende e alla vigilia della XXII Olimpiade di Mosca è ancora tra i favoriti. Ma la sfortuna non molla il campione avellinese: un cane lo assale mentre si allena e Pippo cade fratturandosi un braccio.

Gli impegni attuali[modifica | modifica sorgente]

È attualmente presidente della Federazione Italiana Educatori Fisici e Sportivi (FIEFS)[1] e vicepresidente vicario delle Associazioni Benemerite riconosciute dal CONI[2]. Inoltre è docente ordinario di Atletica Leggera presso la Facoltà di Scienze Motorie dell'Università di Urbino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ FIEFS - Federazione italiana educatori fisici e sportivi | FIEFS
  2. ^ Comitato Olimpico Nazionale Italiano : Associazioni Benemerite

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]