Giuseppe Carmelo Cardone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Carmelo Cardone (San Giorgio Lucano, 16 luglio 1931Policoro, settembre 2010) è stato uno scrittore e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a San Giorgio Lucano, in Basilicata, compie gli studi liceali a Salerno. Dal 1953, a 22 anni, inizia la sua attività letteraria dedicata prevalentemente alla produzione di liriche e novelle di stampo verista nel quale esalta la semplice realtà quotidiana. È stato responsabile dei servizi tributari contributivi e sociali, nonché sindacalista nel suo paese nativo. Ha vinto il primo premio internazionale La Valletta di Malta.

Alcune opere[modifica | modifica sorgente]

  • Dalla Rerum novarum alla Mater et magistra: i documenti fondamentali della dottrina sociale della Chiesa, a cura di Cesare Crespi e Giuseppe Cardone; presentazione di Giovanni Battista Montini. Milano: Massimo, 1962[1]
  • Terreno nero, Bari, F.lli Laterza, Armonie, 1989[2]
  • Terreno nero (ed.ampliata), Bari, F.lli Laterza, 1990[3][4]
  • Canti veristi, Genova, Silver press, 1991
  • Il volto di Tutto Specchiato, Catanzaro, Ursini editore, 1991[5]
  • Novelle ricreative, Genova, Golden press

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ OPAC Polo BVE - Biblioteca nazionale centrale di Roma
  2. ^ Ricerca fallita &nbsp
  3. ^ dettaglio documento
  4. ^ OPAC Sebina OpenLibrary
  5. ^ OPAC Sebina OpenLibrary

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Terreno nero, Bari, F.lli Laterza, Armonie stampa 1988
  • Poeti e novellieri contemporanei, Genova, Golden press, Edizione 2007