Giuseppe Bove

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Giuseppe Bove

Giuseppe Giovanni Bove, russificato in Osip Ivanovič Bove (in russo: Осип Иванович Бове?; San Pietroburgo, 4 novembre 1784Mosca, 28 giugno 1834), è stato un architetto russo del neoclassicismo.

Figlio del pittore Vincenzo Giovanni che da Napoli si era trasferito a San Pietroburgo nel 1782 al seguito dell'ambasciatore napoletano Antonino Maresca, duca di Serracapriola[1]; a Pietroburgo fu assunto al Museo imperiale dell'Ermitage[2]. Nel 1820 progettò il Teatro Bol'šoj modificando un precedente progetto di Andrej Michailov.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nicola Nicolini, MARESCA di SERRACAPRIOLA in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1938. URL consultato l'8 luglio 2014.
  2. ^ V.A. Bogoslovskij, BOVA (Bové), Vincenzo Giovanni in Dizionario Biografico degli Italiani, XIII, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1971. URL consultato il 01-05-2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (RU) Biografia: Покровская, З.К., "Осип Бове", М, Стройиздат, 1999. ISBN 5-274-00592-6.
  • (RU) Registro ufficiale dell'edificio commemorativo a Mosca (Moskomnasledie), presso l'Accademia dei vigili del fuoco (nota del Ministero dell'Interno russo).