Giuseppe Bossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore, vedi Giuseppe Bossi (calciatore).
Busto a Giuseppe Bossi, di Camillo Pacetti, nel Palazzo di Brera.

Giuseppe Bossi (Busto Arsizio, 11 agosto 1777Milano, 9 dicembre 1815) è stato un pittore e scrittore italiano.

Fu uno dei principali protagonisti del neoclassicismo milanese accanto a Ugo Foscolo, Giuseppe Parini, Alessandro Manzoni e Carlo Porta. Nonostante fosse anche letterato, poeta e disegnatore di rilievo, viene soprattutto ricordato per le sue opere pittoriche.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver frequentato l'Accademia di Belle Arti di Brera, una borsa di studio a Roma gli permise di venire a contatto con i grandi modelli della pittura rinascimentale e della statuaria classica frequentando artisti come Antonio Canova, Felice Giani e Angelika Kauffmann.

Rientrato a Milano, nel 1801 fu nominato segretario dell'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Nel 1802 compì un viaggio a Parigi insieme all'incisore monzese Giuseppe Longhi e vi frequentò l'ambiente artistico. Tornato in Italia, nel 1803 curò la redazione del nuovo Statuto di Brera introducendo sostanziali riforme e novità nell'insegnamento accademico e portando in breve questo istituto ad avere un ruolo preminente nella determinazione del gusto del tempo in Italia settentrionale. Con lo stesso Statuto fu dato grande impulso alla Pinacoteca di Brera, che venne dotata del suo primo nucleo di opere. Ricoprì tale incarico fino al 1807 anno in cui, con sua grande amarezza, rassegnò le dimissioni. Ed è proprio dal 1807 che Bossi inizia a scrivere le sue Memorie sotto forma di diario della propria vita, attività che sospenderà soltanto pochi giorni prima di morire nel 1815.

Nel 1805 scrisse Sulla utilità politica delle Arti del Disegno dove sosteneva che il valore e l'utilità delle arti stava nella loro natura incitatrice alle virtù civili[1]

Colleziono' varie pagine di Leonardo Da Vinci, che dopo la sua morte finirono alle Gallerie dell'Accademia di Venezia e Torino.

Insieme ad altri artisti di tendenze neoclassiche, effettua le decorazioni degli interni della Villa Melzi d'Eril a Bellagio.

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Sulla utilità politica delle Arti del Disegno, 1805
  • Del Cenacolo di Leonardo Da Vinci, Milano 1810
  • Leonardo Da Vinci Padova, 1808.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Praz, Gusto neoclassico, Rizzoli, Milano, 2003, p.154

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1971
  • Rodolfo Rogora, Il "pittor" Bossi, un romantico tra i classici, Almanacco della Famiglia Bustocca, 1960, pagg. 82-103
  • Chiara Nenci (a cura di): Le memorie di Giuseppe Bossi, Milano, 2004

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 14894672 LCCN: n84186659 SBN: IT\ICCU\SBLV\046555