Giuseppe Berton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Berton (Marostica, 1932Parma, 25 giugno 2013) è stato un missionario italiano dell'Ordine dei Saveriani; ha vissuto in Sierra Leone a partire dal 1971.

È il fondatore del Family Homes Movement[1] (FHM, Sierra Leone, 1985), Movimento Casa Famiglia votato al recupero di minori in difficoltà. Durante gli anni della guerra civile Padre Giuseppe Berton e il FHM hanno salvato e reintrodotto nella società oltre 3000 bambini soldato .

Padre Giuseppe Berton è anche co-fondatore, insieme a Roberto Ravera (Psicologo, Primario ASL 1 Imperiese, Italia), di FHM ITALIA Onlus.[2]

FHM ITALIA Onlus è la sorella italiana di FHM Sierra Leone. Con sede in Italia, questa Onlus nasce dalla collaborazione tra Padre Giuseppe Berton e Roberto Ravera, che da anni lavorano insieme per la realizzazione, alla luce delle moderne teorie scientifiche in tema di psicologia e di psicopatologia, di progetti di riabilitazione e inserimento sociale, lavorativo e scolastico di minori abbandonati.

Documentari[modifica | modifica sorgente]

  • DVD La vita non perde valore (Titolo, in inglese, Life does not lose its value), di Wilma Massucco[3] (ITA/ENG - 53' - Bluindaco Productions 2012) - Punto chiave del Documentario: è possibile trasformare la sofferenza, anche quando è vasta e profonda come quella degli ex bambini soldato? Se sì, come? Sierra Leone, dieci anni dopo la fine della guerra civile (1991 - 2002): la testimonianza di ex bambini soldato, rimasti per anni vittime del Revolutionary United Front (RUF) - Fronte Rivoluzionario Unito, esercito ribelle della Sierra Leone - e il recupero individuale, familiare e sociale operato su di loro da parte del missionario saveriano Padre Giuseppe Berton. Il documentario è stato analizzato in diverse Università, e oggetto di studio di varie Tesi di laurea[4],[5]
  • Dvd Infanzia rubata, bambini soldato, bambini soldato in Sierra Leone, diretto da Fiorenzo Raffaini (ITA, Videomission 2000)

Contributi ad altri documentari[modifica | modifica sorgente]

Libri[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]