Giumaglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giumaglio
frazione
Giumaglio – Stemma
Dati amministrativi
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Tessin matt.svg Ticino
Distretto Vallemaggia
Comune Maggia
Territorio
Coordinate 46°16′26″N 8°40′55″E / 46.273889°N 8.681944°E46.273889; 8.681944 (Giumaglio)Coordinate: 46°16′26″N 8°40′55″E / 46.273889°N 8.681944°E46.273889; 8.681944 (Giumaglio)
Altitudine 377 m s.l.m.
Superficie 13,17 km²
Abitanti 210 (31 dicembre 2003)
Densità 15,95 ab./km²
Altre informazioni
Lingue Italiano
Cod. postale 6678
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti Fuitt o Taröch, Giumagliesi.
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Giumaglio
Giumaglio – Mappa

1leftarrow.pngVoce principale: Maggia (comune).

Giumaglio (Giumai in dialetto ticinese) è un ex comune del Canton Ticino; con la fusione del 4 aprile 2004 è diventato frazione del nuovo comune di Maggia che ha incorporato i comuni di Aurigeno, Coglio, Lodano, Moghegno, Maggia e Someo.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Villaggio già conosciuto nel 1182. Nel 1224 il comune è stato indicato come Zumano, nel 1400 Zimiano, nel 1591 Zumaio e Zumano e nel 1596 Giumai.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1517 fra Coglio e Giumaglio vi fu una vertenza territoriale e si decise quindi di fissare i confini.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'agricoltura ha costituito per secoli la principale risorsa per il paese (attività quasi del tutto abbandonata). Altra risorsa importante i vigneti e i castagneti. L'emigrazione verso la California e l'Italia ha segnato la sua storia demografica. Infatti la popolazione ha subito diversi cambiamenti: dai 300 abitanti del 1591 ai 125 del 1761, per poi ritornare a quota 413 nel 1850 e discendere agli attuali 218.

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Blasonatura: "D'azzurro, alla pergola d'argento, sormontata in capo da una rosa d'argento, bottonata d'oro e fogliata di verde".

Sullo stemma di Giumaglio vi sono due elementi:

Soprannome degli abitanti[modifica | modifica sorgente]

Fuitt o Taröch.

Il patriziato[modifica | modifica sorgente]

Famiglie patrizie attuali[modifica | modifica sorgente]

Adami- Bonetti - Cerini - Pedrotti -Piezzi - Pozzi - Sartori.

Famiglie patrizie estinte[modifica | modifica sorgente]

Gasparini - Giumini - Lesina

Società[modifica | modifica sorgente]

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

La diga della Vasasca e il lago della Vasasca[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Diga della Vasasca.

La diga della Vasasca è stata costruita nel 1967 ed è di concessione della Società Elettrica Sopracenerina SA. Essa è di tipo ad arco e la corona misura 107 metri, ha un'altezza di 69 metri e il suo volume è di 21 000 metri cubi. Questa costruzione, che riceve l'acqua dal fiume di Giumaglio, forma il lago della Vasasca. Il bacino imbrifero è di 14 chilometri quadrati ed è lungo 0.4 chilometri. Il volume del lago è di 0.4 milioni di metri cubi, mentre la superficie è di 1.5 ettari. Lo scarico ha una capacità di 140 metri cubi al secondo.

Persone legate a Giumaglio[modifica | modifica sorgente]

  • Patrick Adami (Locarno, 30 luglio 1976), giocatore di disco su ghiaccio

Il carnevale[modifica | modifica sorgente]

Ogni anno, la Società di Carnevale di Giumaglio organizza il carnevale estivo che si svolge il secondo sabato di luglio. I regnanti sono: Re Taröch e Re Lifroch, a cui si aggiungono durante la serata tutti i re dei carnevali del Ticino.

La festa patronale[modifica | modifica sorgente]

La festa patronale di Giumaglio si svolge ogni anno il 15 agosto per commemorare la Santa Maria Assunta in cielo. Durante il giorno vi è pure la processione con la statua della Madonna.

Lo sport[modifica | modifica sorgente]

Hockey[modifica | modifica sorgente]

I giumagliesi hanno fondato una società hockeystica: l'Hockey Club Giumaglio. Questa squadra partecipa al Torneo Valmaggese Hockey Amatori, che è arrivato alla 26a edizione nella stagione 2008-2009. Il torneo è suddiviso in tre parti:

  • regular season (le squadre si affrontano due volte)
  • qualifiche pre-playoff (due gruppi da tre squadre, il primo comprendente le tre migliori e l'altro le tre peggiori per accaparrarsi il posto rimanente per i playoff)
  • playoff (partite d'andata e di ritorno).

L'Hockey Club Giumaglio si è classificato primo per 3 anni (1986, 1994 e 2004).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Piero Guelfi Camaiani, Dizionario araldico, Hoepli editore, Milano 1940.
  • Gastone Cambin, Armoriale dei Comuni Ticinesi, Edizioni Istituto Araldico e Genealogico, Lugano 1953.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 362-363.
  • Guglielmo Buetti, Note Storiche Religiose delle Chiese e Parrocchie della Pieve di Locarno, (1902), e della Verzasca, Gambarogno, Valle Maggia e Ascona (1906), II edizione, Pedrazzini Edizioni, Locarno 1969.
  • Agostino Robertini et alii, Coglio, in Il Comune, Edizioni Giornale del popolo, Lugano 1978, 117-128.
  • Rivista informativa del Comune di Maggia, A Tu per Tu; No. 1-2
  • Mario Medici; Libro settecentesco degli "ordini" di Giumaglio, 1980, 174-189.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 178.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Rivista Patriziale Ticinese, No. 264 marzo 2007, 11-13.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 244, 246.
  • Marino Cerini, Licia Scalet-Cerini, Fabiana Piezzi, (a cura di), Giumaglio, in Repertorio toponomastico ticinese, volume 25, Archivio di Stato, Bellinzona 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]