Giulio Bevilacqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giulio Bevilacqua, C.O.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Coat of arms of Giulio Bevilacqua.svg
Virtus in infirmitate
Nato 15 settembre 1881, Isola della Scala
Ordinato presbitero 13 giugno 1908
Consacrato arcivescovo 18 febbraio 1965
Creato cardinale 22 febbraio 1965 da papa Paolo VI
Deceduto 6 maggio 1965, Brescia

Giulio Bevilacqua (Isola della Scala, 15 settembre 1881Brescia, 6 maggio 1965) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Isola della Scala il 15 settembre 1881.

Il 13 giugno 1908 fu ordinato sacerdote della Confederazione dell'Oratorio di San Filippo Neri.

Il 15 febbraio 1965 fu nominato arcivescovo titolare di Gaudiaba.

Papa Paolo VI lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 22 febbraio 1965.

Morì a Brescia, nella sua parrocchia di via Chiusure, il 6 maggio 1965 all'età di 83 anni.

È stato il primo "cardinale-parroco" della Chiesa cattolica: dopo l'elevazione al rango cardinalizio, seguitò infatti a rimanere parroco.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La luce nelle tenebre, Roma, Studium, 1921. 2ª ed. ampliata: 1946.
  • Eroismo senz'ali, Brescia, Pea, 1922.
  • L'uomo che conosce il soffrire, Roma, Studium, 1933. 2ª ed.: 1940. 3ª ed.: 1942. 4ª ed.: prefazione di Igino Giordani, introduzione di Franz Schmal, 1947. Nuova ed. riveduta e ampliata: 1964.
  • Equivoci, mondo moderno e Cristo, Brescia, Morcelliana, 1952. 2ª ed. riveduta e aumentata: prefazione di Aldo Ferrabino, 1953.
  • Cristo contemporaneo, Milano, Missione di Milano, 1957. Nuova ed. (con un ricordo del cardinale Bevilacqua di Jean Guitton), Vicenza, La locusta, 1966.
  • Scritti e testimonianze, Brescia, La Scuola, 1965.
  • Scritti fra le due guerre, Brescia, La Scuola, 1968.
  • Parole ai sacerdoti (corso di esercizi spirituali tenuti a S. Fidenzio, Novaglie, Verona), Brescia, Morcelliana, 1983. ISBN 88-372-1187-2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Fappani, Padre Giulio Bevilacqua, prete e cardinale sugli avamposti (prefazione di don Giovanni Cappelletti), Verona, Nigrizia, 1975.
  • Antonio Fappani, Padre Giulio Bevilacqua. Il cardinale-parroco, Brescia, Queriniana, 1979.
  • CEDOC (a cura di), Scritti sul cardinale G. Bevilacqua, Brescia, Morcelliana, 1990, ISBN 88-372-1420-0.
  • Un isolano tutto fuoco: parroco e cardinale, in Vittorino Stanzial (a cura di), Persone e fatti del '900 isolano. Medaglioni scritti o raccolti da Mario Modena: un secolo di storia di Isola della Scala nelle vicende personali degli isolani che hanno lasciato il segno nella vita del paese, Isola della Scala, Cooperativa sociale La Scintilla, 2003, pp. 34–38.
  • Luca Ghisleri e Renato Papetti (a cura di), Giulio Bevilacqua a quarant'anni dalla morte, 1965-2005, Brescia, Morcelliana, 2006. ISBN 88-372-2159-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Gaudiaba
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
- 15 febbraio 1965 - 25 febbraio 1965 Bernardino Maria Dino Piccinelli
Predecessore Cardinale diacono di San Girolamo della Carità Successore CardinalCoA PioM.svg
- 22 febbraio 1965 - 6 maggio 1965 Antonio Riberi

Controllo di autorità VIAF: 27193662 LCCN: n82027992 SBN: IT\ICCU\CFIV\101514