Giuliano Romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuliano Romano nell'aprile del 2011

Giuliano Romano (Treviso, 16 novembre 1923Treviso, 10 giugno 2013) è stato un astronomo e divulgatore scientifico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato in matematica pura a Padova nel 1950 con la tesi: “Sui problemi statistici ed evolutivi delle stelle doppie, è stato allievo di Ettore Leonida Martin, direttore dell’Osservatorio astronomico di Trieste.

Libero docente in astrofisica, è stato professore di Cosmologia e Storia dell’Astronomia all’Università di Padova, ha inoltre insegnato fisica e matematica presso il Collegio Pio X di Treviso.

Ha organizzato giovanissimo, nel settembre del 1949 a Treviso, un Convegno degli Astrofili Veneti[1] a cui ne seguirono molti altri.

Lettera datata 15 novembre 1945 del prof. Giulianop Romano, all'epoca appassionato astrofilo, indirizzata al Prof. Mario Ancarani Direttore dell'Osservatorio Urania Lamonia di Faenza.

Grazie alle sue osservazioni celesti, iniziate nel 1946 con propri mezzi dal terrazzo della sua abitazione di Treviso divenuta in seguito la Specola Ariel,[2] è stato il primo astronomo dilettante nel mondo e il primo italiano in assoluto a scoprire una supernova extragalattica,[3] la SN 1957b,[4][5] scoperta il 18 maggio 1957 nella galassia M84 (NGC 4374);[6] successivamente, nel maggio del 1961, ne ha scoperta un'altra, la SN 1961h, nella galassia NGC 4564.

Ha inoltre scoperto circa trecento stelle variabili e lavorato sui Quasar Variabili.

Nel 1972 ha creato l’Associazione Astrofili Trevigiani e ne è stato la guida scientifica per oltre trent’anni.

Dal 1976 al 2006 ha creato e sostenuto la Scuola Aperta di Astronomia presso il Collegio Pio X di Treviso.

Gli astronomi Ettore Martin e Giuliano Romano nella Specola Ariel a Treviso nel 1956.

È stato presidente dell’Ateneo di Treviso, importante associazione culturale della città, e del Rotary Club Treviso.

È autore di oltre trecento lavori scientifici pubblicati in autorevoli riviste italiane e straniere e di numerosi libri sia nel campo dell’astronomia che in quello dell’archeoastronomia.

Nel 1985 ha organizzato il primo Seminario sulle ricerche archeoastronomiche in Italia e nel 1989, in collaborazione col Dipartimento di Archeologia dell'Università di Venezia, un Colloquio Internazionale di Archeologia e Astronomia.[7]

Ha tenuto innumerevoli conferenze in Italia e all’estero.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • Evoluzione delle stelle, Canova, 1977
  • Introduzione all’astronomia, Muzzio, 1985
  • La complessità dell’universo, Cremese, 2007
  • Prolegomeni alla cosmologia, CLEUP, 1996
  • Archeoastronomia italiana,CLEUP, 1992
  • Orientamenti ad sidera, Essegi, 1995
  • Antichi cieli andini, CLEUP, 2004
  • Introduzione alla matematica precolombiana, CLEUP, 2000
  • I Maya e il cielo, CLEUP, 1999
  • Conversazioni sul cielo e dintorni, CLEUP, 2002
  • Mio padre è il cielo, CLEUP, 1998
  • Il sole e il tempo, SIT, 1991
  • L’uomo e il cosmo, SIT, 1997
  • I primi giganti dell’astronomia moderna, da Cusano a Newton, Ateneo di Treviso, 2010
18 febbraio 2011. Il Prof. Giuliano Romano tiene una conferenza all'Ateneo di Treviso.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 1983 gli è stato assegnato, dal Lions Club Treviso, il premio LEONE D'ORO 82-83: "Per la sua opera che onora la Marca Trevigiana e il mondo della scienza"
  • Nel 1986 gli è stato assegnato, dal Rotary Club Treviso, il riconoscimento PAUL HARRIS FELLOW [8].
  • Nel 2004 gli è stato assegnato il Premio Lacchini[9], il più importante riconoscimento che l’Unione Astrofili Italiani conferisce ad astronomi ed astrofili di fama mondiale che si sono distinti nella divulgazione dell’astronomia.
  • Nel 2005 è stato premiato con la Targa Giuseppe Piazzi per la divulgazione dell’astronomia.
  • Nel 2007 è stato premiato con il Totila d’Oro[10], massimo riconoscimento della città di Treviso per gli alti meriti conseguiti nel campo della scienza e della cultura.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ G. ROMANO - Atti del Convegno degli Astrofili Veneti tenuto a Treviso domenica 18 settembre 1949. Id. N. 252 a. 1953
  2. ^ E. L. Martin - La Specola Ariel di Treviso, Grafiche Vianello - Treviso a. 1956
  3. ^ (EN) List of Supernovae
  4. ^ "ASTRONOMIA alla scoperta del cielo", Curcio ed.,1983 vol. 2, pag. 441
  5. ^ "IL CIELO,Gino Cecchini, UTET ed.,1969, vol.2, pag.1090.
  6. ^ "IL GAZZETTINO", domenica 2 giugno 1957, pag. 12
  7. ^ Archeologia e astronomia. Colloquio internazionale (Venezia, 3-6 maggio 1989) - Atti - Roma, Bretschneider, 1991
  8. ^ Rotary Club Treviso, conferimento PHF
  9. ^ Premio Lacchini
  10. ^ Tribuna di Treviso, premio Totila d'Oro

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]