Girolamo Fracastoro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Girolamo Fracastoro

Girolamo Fracastoro (Verona, 1476-1478 ca.[1]Affi, 6 agosto 1553[1]) è stato un medico, filosofo, astronomo, geografo e letterato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Collega e amico di Niccolò Copernico, Fracastoro fu anche professore di logica all'Università di Padova. Fu archiatra di papa Paolo III, al quale dedicò l'opera astronomica Homocentrica (1538). A lui è dedicato il cratere lunare Fracastoro.

Contributi alla medicina[modifica | modifica wikitesto]

È uno dei fondatori della moderna patologia. Nello studio da scienziato fu il primo ad ipotizzare e verificare che le infezioni fossero dovute a germi portatori di malattia, con la capacità di moltiplicarsi nell'organismo e di contagiare altri attraverso la respirazione o altre forme di contatto. Nella sua bibliografia scientifica si nota "Syphilis sive de morbo gallico" (Sifilide, ossia sul "mal francese" - che da allora in poi sarebbe stato chiamato sifilide) sotto forma di poemetto in esametri (scritto nel 1521, ma pubblicato nel 1530) e il trattato "De contagione et contagiosis morbis" (Sul contagio e sulle malattie contagiose) nel 1546. Il trattato è all'origine della patologia moderna.

La statua a lui dedicata in Piazza dei Signori (Verona)

Contributi astronomici[modifica | modifica wikitesto]

Come astronomo fu il primo a scoprire, con Pietro Apiano, che le code cometarie si presentano sempre lungo la direzione del Sole, ma in verso opposto ad esso. Nel 1538 descrisse uno strumento in funzione astronomica, poi realizzato da Galileo Galilei decine di anni dopo: il cannocchiale.

Fracastoro: Opera omnia, edizione postuma del 1555

Opere filosofiche[modifica | modifica wikitesto]

Fracastoro scrisse tre dialoghi filosofici: Naugerius sive de Poetica (dialogo di estetica del 1555), Turrius sive de Intellectione e l'incompiuto Fracastorius sive de Anima.

Fracastoro da nobile a simbolo della rivalsa del popolo veronese[modifica | modifica wikitesto]

Una leggenda sul Fracastoro fa parte della storia popolare veronese. Una sua statua è posta su un arco alla fine di via Fogge, che da nord si innesta in Piazza dei Signori (comunemente detta anche Piazza Dante). La statua rappresenta la sua figura intera con in mano il mondo, che il popolo del tempo ha ribattezzato la bala de Fracastoro, dove bala è il termine dialettale che indica palla. In quella strada vi era il passaggio per il vecchio tribunale da parte di giudici e avvocati ed era vicina a tutti i palazzi del potere di quel tempo. La bala è legata ad una profezia: cadrà sulla testa del primo galantuomo che passerà sotto. Finora non è mai successo. Il popolo di Verona usava questa storia per sbeffeggiare gli uomini del potere. Muore nella frazione di Incaffi del comune di Affi.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Girolamo Fracastoro, con il nome di Giroldano, viene incontrato da Dago, personaggio di un fumetto argentino creato da Robin Wood e Alberto Salinas, in una delle sue avventure, per la precisione nel n. 10 anno XIV del mensile, proprio mentre Giroldano interroga una prostituta in cerca di informazioni per il suo poema sulla sifilide.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Enrico Peruzzi, Dizionario Biografico degli Italiani, riferimenti in Collegamenti esterni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 32017562 LCCN: n82027929 SBN: IT\ICCU\CFIV\076474