Giraffa camelopardalis rothschildi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Giraffa di Rothschild
Giraffe08 - melbourne zoo edit.jpg
Giraffa camelopardalis rotschildi
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Giraffidae
Genere Giraffa
Specie G. camelopardalis
Sottospecie G. c. rotschildi
Nomenclatura trinomiale
Giraffa camelopardalis rotschildi
Lydekker, 1903
Areale
Areale in verde chiaro
Una giraffa di Rothschild in uno zoo inglese.

La giraffa di Rothschild, Giraffa camelopardalis rothschildi, chiamata così in onore del fondatore del museo zoologico di Tring, Lord Walter Rothschild[2], nota anche come giraffa di Baringo, dal nome dell'area del lago Baringo, in Kenya[3], o come giraffa ugandese, è la seconda sottospecie di giraffa più minacciata, dal momento che ne rimangono solo poche centinaia di esemplari[4]. Tutti questi esemplari vivono in natura in aree protette del Kenya e dell'Uganda[4]. (Recentemente è stato proposto che la giraffa di Rothschild sia una specie separata dalle altre giraffe e non una semplice sottospecie[4].) Mentre in genere le giraffe vengono classificate come a basso rischio, dipendente dalla conservazione, la giraffa di Rothschild è sottoposta ad un particolare rischio di ibridizzazione ed è per questo motivo che la sua popolazione è così limitata. Vi sono pochi luoghi in natura dove poter osservare la giraffa di Rothschild, ma i luoghi dove sono più numerose sono il parco nazionale del lago Nakuru, in Kenya[5], ed il parco nazionale delle cascate Murchison[6], nell'Uganda settentrionale. Esistono inoltre vari programmi di riproduzione in cattività - tra cui i più importanti sono quelli svolti dal Giraffe Centre di Nairobi, in Kenya, e dal parco safari di Woburn, nel Bedfordshire, in Inghilterra -, i quali aiutano ad espandere il pool genetico delle popolazioni selvatiche di giraffa di Rothschild.

Le giraffe di Rothschild sono facilmente distinguibili dalle altre sottospecie. La caratteristica più ovvia è la colorazione del mantello, o pelame. Mentre la giraffa reticolata ha delle macchie scure nettamente definite separate tra loro da una rete biancastra brillante, la giraffa di Rothschild ricorda più strettamente la giraffa masai. Comunque, rispetto alla giraffa masai, la sottospecie di Rothschild è di colore più pallido, le macchie bruno-arancio hanno margini meno seghettati e aguzzi e la rete tra di esse presenta toni più sul color crema rispetto a quella della giraffa reticolata. Inoltre, la giraffa di Rothschild non presenta macchie sulla parte inferiore delle zampe, dando l'impressione che stia indossando delle calze bianche[2].

Un altro aspetto caratteristico, sebbene difficile da notare, della giraffa di Rothschild è dovuto al numero di corna sulla testa. Questa è l'unica sottospecie che nasce con cinque «corna». Due di queste, quelle poste sulla sommità del capo e comuni a tutte le giraffe, sono corna «vere e proprie». Il terzo «corno» può spesso essere notato nel mezzo della fronte della giraffa e le altre due dietro ad ogni orecchio[7]. È anche più alta di molte altre sottospecie, misurando fino a sei metri di altezza[2].

Le giraffe di Rothschild si accoppiano in ogni periodo dell'anno ed hanno un periodo di gestazione tra i 14 ed i 16 mesi, dopo i quali nasce generalmente un solo piccolo. Vivono in piccoli branchi e maschi e femmine (con i loro piccoli) vivono separatamente, incontrandosi solo per accoppiarsi[7].

I maschi sono più grandi delle femmine e le loro corna «vere e proprie» sono solitamente glabre a causa dei combattimenti. Tendono inoltre ad essere di colore più scuro delle femmine, anche se questa caratteristica non è un indicatore garantito del sesso degli esemplari.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Fennessy, J. & Brenneman, R., Giraffa camelopardalis rothschildi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ a b c Obituary - Betty Leslie-Melville, The Guardian, 11 ottobre 2005. URL consultato il 19 aprile 2007.
  3. ^ Eric O. Odada, Lake Baringo. URL consultato il 19 aprile 2007.
  4. ^ a b c Not one but 'six giraffe species', BBC News Online. URL consultato il 27 dicembre 2007.
  5. ^ Lake Nakuru National Park, UNESCO. URL consultato il 19 aprile 2007.
  6. ^ National Parks & Safaris, Uganda Tourist Board. URL consultato il 9 maggio 2007.
  7. ^ a b ROTHSCHILD GIRAFFE - Giraffa camelopardalis rothschildi, Zoological Parks and Gardens Board of Victoria. URL consultato il 19 aprile 2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi