Giovanni delle Bande Nere (incrociatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni delle Bande Nere
Giovanni delle Bande Nere (in primo piano) e Gorizia (sullo sfondo) in missione il 12 febbraio 1942
Giovanni delle Bande Nere (in primo piano) e Gorizia (sullo sfondo) in missione il 12 febbraio 1942
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo incrociatore leggero
Classe Condottieri tipo Alberto da Giussano
Proprietario/a Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
Costruttori Navalmeccanica
Cantiere Castellammare di Stabia
Impostata 31 ottobre 1928
Varata 27 aprile 1930
Entrata in servizio 1º gennaio 1931
Destino finale Affondato il 1º aprile 1942 dal sommergibile britannico Urge
Caratteristiche generali
Dislocamento 6.570 t (standard); 6.954 t (pieno carico)
Lunghezza 169,3 m
Larghezza 15,5 m
Pescaggio 5,3 m
Propulsione 6 caldaie, 2 turbine, 2 eliche
95.000 CV
Velocità durante le prove 37 nodi  (42 km/h)
Autonomia 3.800 mn a 18 nodi (7.037 km a 33 km/h)
Equipaggio 507, di cui 19 ufficiali
Armamento
Artiglieria alla costruzione: Nel 1938/39 i pezzi da 37/54 furono sostituiti con pezzi da 20/65 e furono imbarcate due lanciabombe antisommergibile
Siluri 4 tubi lanciasiluri da 533 mm
Corazzatura Orizzontale: 20 mm; Verticale: 24 mm; Artiglierie: 23 mm; Torrione: 40 mm.
Mezzi aerei 2 × IMAM Ro.43
catapulte fisse a prua

dati tratti da[1]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

Il Giovanni delle Bande Nere fu un incrociatore leggero della Regia Marina appartenente alla classe Alberto da Giussano, così battezzato in onore del capitano di ventura del XVI secolo Giovanni delle Bande Nere.

Il suo scafo venne impostato nel 1928 nei Cantieri navali di Castellamare di Stabia, venne varato il 27 aprile 1930 e completato nel 1931.

Attività[modifica | modifica sorgente]

La nave nell'aprile 1939 prese parte all'occupazione dell'Albania. Nell'occasione la Regia Marina schierò davanti alle coste albanesi una squadra navale al comando dell'ammiraglio Arturo Riccardi, composta oltre che dal Bande Nere, dagli incrociatori leggeri Abruzzi e Garibaldi, dalle due Cavour, dai quattro incrociatori pesanti della classe Zara, 13 cacciatorpediniere, 14 torpediniere e varie motonavi su cui erano imbarcati in totale circa 11.300 uomini, 130 carri armati e materiali di vario genere.[2] Nonostante l’imponente spiegamento di forze, l'azione delle navi italiane, nei confronti dei timidi tentativi di reazione da parte albanese, si limitò soltanto ad alcune salve sparate a Durazzo e a Santi Quaranta. Le forze italiane incontrarono scarsissima resistenza e in breve tempo tutto il territorio albanese fu sotto il controllo italiano, con re Zog costretto all'esilio.

Nel corso della seconda guerra mondiale il Giovanni delle Bande Nere prese parte, insieme al gemello Colleoni (con il quale formava la II Divisione), alla battaglia di Punta Stilo del 9 luglio 1940 (tre giorni prima le due unità avevano scortato in Libia uno dei primi convogli lì diretti). Il 19 luglio dello stesso anno fu inviato in Egeo assieme al Colleoni, per attaccare il traffico nemico in quel mare, ma si scontrò con l'incrociatore australiano HMAS Sydney accompagnato da cinque cacciatorpediniere britannici in quella che divenne la battaglia di Capo Spada. Nell'occasione la leggera protezione della classe di Giussano dimostrò chiaramente i suoi limiti, dato che nel corso del combattimento tra i due incrociatori italiani e gli alleati immobilizzarono subito il Colleoni che fu poi affondato, mentre il Bande Nere (nave di bandiera dell'ammiraglio Ferdinando Casardi, comandante la II Divisione), colpito da un proiettile con danni leggeri ed alcune vittime, ripiegò per allontanarsi inseguito dal Sydney; nell'inseguimento il Bande Nere fu colpito una seconda volta con riduzione della velocità a 29 nodi (che però poté essere riportata a 32 nodi con riparazioni provvisorie), mentre il Sydney, colpito da un proiettile del Bande Nere con danni lievi al fumaiolo, preferì desistere, anche per la carenza di munizioni da 152 mm ed il rischio di essere attaccato dall'aviazione. Sul Bande Nere ci furono 8 morti e 16 feriti.

Partecipò attivamente alla guerra dei convogli per la Libia. Fra il 5 ed il 7 febbraio 1941 scortò a Tripoli i trasporti truppe Conte Rosso, Esperia, Marco Polo e Calitea con a bordo la divisione corazzata "Ariete". Il 24 maggio 1941 uscì in mare assieme all'incrociatore leggero Armando Diaz e ai caccia Ascari e Corazziere in funzione di scorta indiretta ai numerosi convogli in mare; il 25 febbraio il Diaz fu silurato da un sommergibile e affondò con la maggior parte dell'equipaggio. Il 10 dicembre 1941 fu scelto per trasportare a Tripoli, assieme ai due incrociatori leggeri della IV Divisione (Alberico Da Barbiano e Alberto Di Giussano) un carico di benzina avio e altri materiali, ma fu bloccato a Palermo da un'avaria; dovette quindi rinunciare alla missione e si salvò così dalla distruzione della IV Divisione avvenuta nella notte fra il 12 ed il 13 dicembre. Il 21 febbraio 1942 prese parte all'operazione K. 7, che prevedeva l'invio di due convogli in Libia'; in quell'occasione il Bande Nere fece parte della forza d'appoggio contro un eventuale attacco navale. L'operazione si concluse con un pieno successo.

Il 21 marzo dello stesso anno fece parte della formazione italiana inviata ad attaccare un convoglio inglese diretto a Malta; ne derivò la seconda battaglia della Sirte nella quale il Bande Nere colpì con un proiettile da 152 mm l'incrociatore britannico Cleopatra, causando 15 morti[3] e alcuni danni (che tuttavia non impedirono alla nave di continuare il combattimento).

Il mattino del 1º aprile 1942 lasciò Messina diretto a La Spezia scortato dal cacciatorpediniere Aviere e dalla torpediniera Libra. Alle 9 del mattino a undici miglia da Stromboli il gruppo venne intercettato dal sommergibile britannico Urge: un siluro spezzò in due lo scafo del Giovanni delle Bande Nere, che affondò rapidamente[4], trascinando con sé 381[5] (per altre fonti 287) uomini[6].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giovanni delle Bande Nere - Incrociatore leggero in marina.difesa.it. URL consultato il 28 giugno 2014.
  2. ^ Occupazione dell'Albania
  3. ^ Royal Navy casualties, killed and died, March 1942
  4. ^ Le Operazioni Navali nel Mediterraneo
  5. ^ Vita operativa degli incrociatori
  6. ^ Secondo scontro della Sirte

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giorgio Giorgerini, La guerra italiana sul mare. La Marina tra vittoria e sconfitta 1940-1943
  • Gianni Rocca, Fucilate gli ammiragli. La tragedia della Marina italiana nella seconda guerra mondiale


marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina