Giovanni della Verna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni della Verna (Giovanni da Fermo) (Fermo, 1259La Verna, 9 agosto 1322) è stato un religioso e presbitero italiano, frate francescano predicatore, beato, appartenente all'Ordine dei Frati Minori di San Francesco d'Assisi, evangelizzatore, confessore.

Tomba di Giovanni della Verna nel santuario della Verna

Originario delle Marche, una regione molto influenzata dal francescanesimo come mostrano gli innumerevoli santi francescani nativi, quali ad esempio Giacomo della Marca e Camilla da Varano, ossia sr. Battista, prima della sua esperienza mistica di preghiera e meditazione, per trenta anni a La Verna, dove visse in una cella di frasche sul monte Penna,[1] passò la sua adolescenza in preghiera e penitenza, usando molti cilici per il suo corpo. Ne I Fioretti di San Francesco[2] è narrato l'episodio del suo incontro con Gesù sul monte Penna, vicino ad un faggio, sotto il quale il beato pregava e meditava, ai piedi di una croce . Dopo la caduta del faggio, in questo luogo fu edificata una piccola cappella, la Cappella del Faggio , sulla cui parete una iscrizione spiega che la parte di terreno antistante, racchiusa da un muretto, è il luogo ove avvenne l'incontro.

Dopo la morte, il beato Giovanni fu sepolto nella Basilica, sotto l'altare della cappella di San Michele.

Leone XIII il 24 giugno 1880 promulgò la conferma del culto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rodolfo Cetoloni, Santuario della Verna , Edizioni La Verna, Pier Giorgio Pazzini Stampatore Editore, 1996, pag.83
  2. ^ I Fioretti di San Francesco , Garzanti Editore, 1993, ISBN 88-11-58488-4 , cap.XLIX, pag.150

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]