Giovanni VII di Meclemburgo-Schwerin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni VII di Meclemburgo-Schwerin (Güstrow, 7 marzo 1558Schwerin, 22 febbraio 1592) fu Duca di Meclemburgo-Schwerin dal 1576 sino alla sua morte. Da alcuni storici viene indicato anche con il nome di Giovanni V.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni era figlio di Giovanni Alberto I di Meclemburgo-Schwerin (1525-1576) e di sua moglie, la Duchessa Anna Sofia di Hohenzollern(1527-1591). Egli aveva appena diciotto anni alla morte del padre, e per questo la reggenza venne tenuta in suo nome per i nove anni successivi.

Egli acquisì il pieno potere solo nel 1585. Immediatamente dovette fronteggiare i gravi problemi che affliggevano il proprio stato, inclusi i notevoli debiti contratti dallo zio Cristoforo con concessioni territoriali. Dopo l'ennesima crisi economica, Giovanni VII si suicidò

Il suo suicidio diede adito a mormorazioni: la storia ci tramanda che Giovanni sarebbe stato ucciso dal demonio, come parte di un patto con due donne residenti a Schwerin. Le donne in questione vennero accusate di stregoneria: Katharina Wankelmuth morì sotto tortura e Magdalena Rukitz venne bruciata al rogo, consentendo la sepoltura di Givoanni nella cattedrale di Schwerin, con tutti i dovuti onori.

Alla sua morte, i figli erano minorenni e per loro venne riservata una reggenza.

Matrimonio ed eredi[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 febbraio 1588 sposò Sofia di Holstein-Gottorp (1 giugno 1569 - 14 novembre 1634), figlia di Adolfo di Holstein-Gottorp (1526-1586) e di sua moglie, Cristina d'Assia (1543-1604), da cui ebbe tre figli:

Predecessore Duca di Meclemburgo-Schwerin Successore
Giovanni Alberto I 1576-1592 Adolfo Federico I

Controllo di autorità VIAF: 80651218

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie