Giovanni Pelletier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Pelletier
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera nel Motomondiale
Esordio 1977 in 350
Stagioni dal 1977 al 1983
Miglior risultato finale 16°
GP disputati 6[1]
 

Giovanni "Gianni" Pelletier (Roma, 11 agosto 1954) è un pilota motociclistico italiano ritiratosi dall'attività agonistica.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Iniziò a frequentare il mondo delle corse facendo il commissario di pista sul circuito di Vallelunga, debuttando nel 1974 in sella ad una Honda CB 500 Four prestatagli dal proprietario dell'officina nella quale lavorava[2]. Fu successivamente ingaggiato dalla scuderia Ianniccheri, che gli affidò una Norton 750, lasciata nel 1975 per una Kawasaki 500 H1 sostituita a sua volta da una Honda CB 400 SS preparata dalla concessionaria romana Samoto, con la quale ben figurò nel Trofeo Nazionale Maximoto, serie di gare riservata alle moto derivate dalla serie[3]. In questa stagione Pelletier corse con lo pseudonimo Nessuno, adottato poiché stava svolgendo il servizio militare e i suoi superiori non gli concedevano il permesso di correre.

Terminati gli obblighi militari l'accoppiata Pelletier-Honda Samoto si dimostrò imbattibile nella stagione 1976, dominando la classe 500 in entrambi i campionati nazionali riservati alle derivate dalla serie (oltre al già citato Trofeo Maximoto anche il Trofeo Magnani). L'ottima annata gli valse il passaggio per la stagione '77 nella categoria Seniores, trovando un ingaggio da parte del team RTA, che gli affidò una Bimota-Yamaha 350[4]. Nella stessa annata fece il suo debutto nel Motomondiale, non riuscendo ad andare a punti; migliore fu l'anno successivo, con il nono posto al GP di Jugoslavia.

Nel Motomondiale 1979 cambiò categoria, passando alla 500: in sella ad una Suzuki RG privata fu decimo al GP delle Nazioni e secondo nel Campionato Italiano Seniores[5]. Per l'annata 1980 fu ingaggiato dalla Morbidelli come pilota ufficiale[6] con scarsi risultati, dovuti anche a un team spaccato al suo interno[7]: Pelletier riuscì a terminare solo un GP (quello di Germania, al 21º posto), mentre nell'Italiano fu quarto[5]; unici momenti positivi dell'annata le gare del Mugello (dove riuscì a battere Kenny Roberts) e di Pergusa[8].

Nel 1981 Pelletier ritornò in sella alla Suzuki, andando a punti in tre GP, mentre nella stagione successiva ritornò in sella alla Morbidelli 500, affidatagli in gestione dalla Casa pesarese[9], ma i risultati furono analoghi a quelli di due anni prima (miglior piazzamento il 15º posto nel GP di Francia boicottato dai "big" del Mondiale). Il 1983 vide il romano in sella ad una Honda: a fine stagione fu 16° nel Mondiale della 500.

Risultati nel motomondiale[modifica | modifica sorgente]

Classe 250[modifica | modifica sorgente]

1977 Classe Moto Flag of Venezuela (1954-2006).svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of France.svg Flag of SFR Yugoslavia.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of Finland.svg Flag of Czechoslovakia.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
250 Yamaha - NE - - - NQ - - - - - - - 0
1978 Classe Moto Flag of Venezuela (1954-2006).svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Austria.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of Finland.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Czechoslovakia.svg Flag of SFR Yugoslavia.svg Punti Pos.
250 Yamaha - - NE - - - - - - - - 21 - 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe 350[modifica | modifica sorgente]

1977 Classe Moto Flag of Venezuela (1954-2006).svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of France.svg Flag of SFR Yugoslavia.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of Finland.svg Flag of Czechoslovakia.svg Flag of the United Kingdom.svg Punti Pos.
350 Bimota-Yamaha e Yamaha - AN - Rit - - 12 - NE - - Rit - 0
1978 Classe Moto Flag of Venezuela (1954-2006).svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Austria.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of Finland.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Czechoslovakia.svg Flag of SFR Yugoslavia.svg Punti Pos.
350 Yamaha - NE - - 16 - NE - - - - - 9 2[10] 23º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe 500[modifica | modifica sorgente]

1979 Classe Moto Flag of Venezuela (1954-2006).svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of SFR Yugoslavia.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of Finland.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Czechoslovakia.svg Flag of France.svg Punti Pos.
500 Suzuki Rit Rit 10 12 15 NP Rit NE Rit 1[11] 35º
1980 Classe Moto Flag of Italy.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of France.svg Flag of SFR Yugoslavia.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Finland.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Czechoslovakia.svg Flag of Germany.svg Punti Pos.
500 Morbidelli Rit NQ NQ NE NQ NE 21 0
1981 Classe Moto Flag of Argentina.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of France.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of SFR Yugoslavia.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Finland.svg Flag of Sweden.svg Flag of Czechoslovakia.svg Punti Pos.
500 Suzuki NE 10 Rit Rit NE 6 Rit 16 9 Rit Rit NE 8[12] 16º
1982 Classe Moto Flag of Argentina.svg Flag of Austria.svg Flag of France.svg Flag of Spain.svg Flag of Italy.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of SFR Yugoslavia.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Sweden.svg Flag of Finland.svg Flag of Czechoslovakia.svg Flag of San Marino.svg Flag of Germany.svg Punti Pos.
500 Morbidelli Rit Rit 15 19 NQ NE NE NC 24 0
1983 Classe Moto Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of Germany.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of SFR Yugoslavia.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Sweden.svg Flag of San Marino.svg Punti Pos.
500 Honda Rit 13 12 11 8 3[13] 16º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sono considerati solamente quelli in cui ha ottenuto punti validi per la classifica del motomondiale
  2. ^ Motociclismo d'Epoca 4/2011, pag. 84
  3. ^ Motociclismo d'Epoca 4/2011, pag. 88-89
  4. ^ Motociclismo d'Epoca 4/2011, pag. 90
  5. ^ a b Albo Campionato italiano - Classe 500, http://www.paolotordi.it. URL consultato il 1º agosto 2012.
  6. ^ La Stampa, 6 maggio 1980, pag. 25
  7. ^ Claudio Porrozzi, Morbidelli - Dalla 50 alla 500, una storia da "mondiale", Giorgio Nada Editore, Vimodrone (MI), 2003, pag. 144
  8. ^ Porrozzi, op. cit. pag. 146
  9. ^ Porrozzi, op. cit. pag. 149
  10. ^ (FR) Classifica del 1978 su racingmemo.free
  11. ^ (FR) Classifica del 1979 su racingmemo.free
  12. ^ (FR) Classifica del 1981 su racingmemo.free
  13. ^ (FR) Classifica del 1983 su racingmemo.free

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]