Giovanni Orseolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Orseolo (Venezia, 984Venezia, 1007) è stato un politico italiano, figlio e coreggente del doge veneziano Pietro II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primogenito di Pietro II Orseolo e di sua moglie Felicita, di lui si hanno notizie a partire dal 1002 quando, ad appena diciott'anni, il padre lo nominò suo coreggente.

Nel giugno 1004 partì per Costantinopoli dove sposò Maria, figlia del principe bizantino Argiro e nipote dell'imperatore Basilio II Bulgaroctono. Il matrimonio servì a rinvigorire l'alleanza tra Venezia e i Bizantini, già fortificata dall'abilità politica del doge; probabilmente quest'ultimo guardava con grande interesse ai progetti espansionistici di Basilio, che ora si rivolgevano alla penisola balcanica. La nascita di un figlio, chiamato, non a caso, Basilio, non fa che confermare questa ipotesi.

Ma le speranze che Pietro riponeva sull'erede svanirono nel 1007 quando Giovanni, la moglie e il figlioletto morirono vittime di una pestilenza. I loro corpi furono tumulati nella chiesa di San Zaccaria.

La carica di coreggente fu assunta dal fratello Ottone, di non poche qualità ma certamente meno dotato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]