Giovanni Motisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Motisi (Palermo, 1º gennaio 1959) è un criminale italiano membro dell'organizzazione mafiosa siciliana Cosa nostra. È succeduto allo zio Matteo Motisi come capo dell'omonimo clan; ora è considerato uno dei più potenti capi mafiosi di Palermo. È latitante dal 1998 ed è nell'elenco dei latitanti più pericolosi d'Italia del Ministero dell'Interno. È ricercato dal 1998 per omicidi, dal 2001 per associazione di tipo mafioso e dal 2002 per strage. Dal 10 dicembre 1999 è ricercato anche in campo internazionale. Deve scontare la pena dell'ergastolo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal sito del Ministero dell'Interno

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]