Giovanni Maria Mataloni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Mario Mataloni (Roma, 1869Roma, 1944) è stato un pubblicitario e illustratore italiano.

Esponente del Liberty, di origini nobili, nacque a Roma il 24 luglio 1869 da Pietro e Agnese Papi, entrambi marchigiani. La famiglia paterna possedeva numerose cartiere nella zona di Pioraco, in provincia di Macerata. È considerato, assieme a Leonetto Cappiello, Adolf Hohenstein, Leopoldo Metlicovitz e Marcello Dudovich uno dei padri del moderno cartellonismo italiano. Il suo primo manifesto è datato 1891. Ha collaborato con la Ricordi, la De Agostini, le edizioni del Dottor Chappuis di Bologna, l'editore Bocca di Torino, "L'Illustrazione Italiana" e lo Stabilimento Cromolitografico Alessandro Marzi di Roma. Tenne la cattedra di nudo presso l'Accademia delle Belle Arti di Roma.

Le notizie relative alla sua vita restano tuttavia scarse. Persino sul nome esatto di questo artista esistono discordanze: alcune fonti riportano Giovanni Mario Mataloni,[1] altre (famiglia inclusa) Giovanni Maria Mataloni.[2]

Principali manifesti[modifica | modifica sorgente]

  • 1895 - Società Anonima per l'Incandescenza a Gas - Brevetto Auer
  • 1897 - La Tribuna
  • 1898 - Pillole Ricostituenti Formula Grocco - Società Anonima Prodotti Chimici Cesare Pegna & Figli, Firenze
  • 1902 - Associazione Artistica Internazionale - Natale di Roma
  • 1904 - Associazione Artistica Internazionale - Festa di Cervara
  • 1905 - IX Centenario della Badia Greca di Grotta Ferrata - Prima Esposizione di Arte Italo Bizantina
  • 1906 - Inaugurazione del Sempione
  • 1909 - L'Ora
  • 1910 - Birra Livorno

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ad esempio: Giorgio Fioravanti. Il dizionario del grafico. Bologna, Zanichelli, 1993. ISBN 88-08-14116-0
  2. ^ Ad esempio: AAVV. Un secolo di manifesti. Milano, Albero Maioli Editore - Canova. 1996. ISBN 88-87843-10-4

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]