Giovanni Ialongo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Ialongo
Da sinistra Massimo Sarni, Giorgio Napolitano e Giovanni Ialongo, marzo 2014

Da sinistra Massimo Sarni, Giorgio Napolitano e Giovanni Ialongo, marzo 2014


Presidente di Poste Italiane
In carica
Inizio mandato 28 giugno 2007
Predecessore Vittorio Mincato

Giovanni Ialongo (Pico, 1 gennaio 1944) è un dirigente d'azienda italiano, Presidente di Poste Italiane dal 29 maggio 2008. Ha svolto la sua carriera interamente all’interno del Gruppo assumendo, nel corso degli anni, posizioni di responsabilità sempre più importanti. Ha percorso un lungo cammino nel sindacato, ricoprendo ruoli di primo piano fino alla carica di Segretario generale della Federazione Poste e Telecomunicazioni della Cisl.

Dal 1997 al 2006 è stato Presidente dell’Istituto Postelegrafonici Ipost e successivamente Commissario Straordinario dell'ente fino a novembre 2008. Sotto il suo mandato, l'Ipost ha conseguito importanti risultati, affermandosi all’avanguardia degli Enti Previdenziali per la qualità e l’innovazione dei servizi offerti.

Dal 2006 è Presidente di Postel – Società per la gestione dei servizi di Gestione Documentale Integrata, Direct marketing ed E-procurement.

Il 16 luglio 2010 è stato nominato Consigliere di Amministrazione della LUISS, la Libera Università Internazionale degli studi sociali Guido Carli.

Ialongo inoltre è membro del Comitato di Presidenza dell'Associazione Civita e componente della Giunta di Assonime, Associazione fra le Società per Azioni.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 1997[1]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 27 dicembre 2005[1]
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 27 dicembre 2009[1]
Laurea Honoris Causa in Diritto Civile dalla Pontificia Università Lateranense - nastrino per uniforme ordinaria Laurea Honoris Causa in Diritto Civile dalla Pontificia Università Lateranense
— 16 dicembre 2009

Il 16 dicembre 2009 ha conseguito la Laurea Honoris Causa in Diritto Civile rilasciata dal rettore della Pontificia Università Lateranense, monsignor Rino Fisichella, esponendo una lectio magistralis sui principi della Dottrina sociale della Chiesa applicati all'organizzazione aziendale. Il prestigioso riconoscimento gli è stato conferito grazie all'attenzione sempre prestata al messaggio della Dottrina sociale della Chiesa e ad una visione dell'economia dalla forte impronta etica e rispettosa delle esigenze della persona.

Predecessore Presidente del gruppo Poste Italiane Successore Insegna Poste Italiane.svg
Vittorio Mincato dal 28 giugno 2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.