Giovanni Ferrofino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Ferrofino
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Nato 24 febbraio 1912, Alessandria
Ordinato presbitero 22 settembre 1934
Consacrato arcivescovo 26 novembre 1961 dall'arcivescovo Armando Lombardi
Deceduto 21 dicembre 2010

Giovanni Ferrofino (Alessandria, 24 febbraio 191221 dicembre 2010) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato ad Alessandria, fu ordinato sacerdote il 22 settembre 1934.

L'8 febbraio 1960 fu nominato nunzio apostolico ad Haiti. L'anno seguente, divenne arcivescovo di Zenopoli di Isauria. Il 3 novembre 1965 fu designato come nunzio apostolico dell'Ecuador, compito che svolse fino al 29 settembre 1970.

Secondo Gary Krupp, fondatore di Pave the Way Foundation, durante la seconda guerra mondiale Papa Pio XII inviò Ferrofino dal presidente del Portogallo per richiedere visti per gli ebrei che entravano in territorio portoghese. Giunto nella Repubblica Dominicana nel 1939, insieme al nunzio apostolico dell'isola, Maurilio Silvani, riuscì ad ottenere due volte l'anno circa 800 visti per gli Ebrei che fuggivano dall'Europa. Dalla Repubblica Dominicana venivano poi aiutati a recarsi in Canada, negli Stati Uniti, in Messico e a Cuba[1]. Il 24 giugno 2012 la sua salma fu trasferita nella Basilica di San Dalmazzo di Quargnento (Alessandria).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zenit, 23 dicembre 2010

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]