Giovanni Cottone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Cottone (Palermo, 12 luglio 1957) è un imprenditore italiano.

Giovanissimo, si trasferisce a Milano ove inizia a lavorare nel settore del commercio di prodotti elettrodomestici. Risulta tra i primi imprenditori italiani a entrare nel mercato cinese.[senza fonte] Fonda diverse società con cui commercia, sul mercato italiano, elettrodomestici, prodotti elettronici e telefoni cellulari.

L’elettronica di consumo[modifica | modifica sorgente]

Grazie alla conoscenza del mercato cinese, introduce in Italia numerosi prodotti elettronici di prezzi molto contenuti, quali lettori portatili di file musicali, lettori DVD, apparecchi home theatre, televisori, radio, apparecchi stereo. L’idea di fondo è quella di congiungere le potenzialità del mercato cinese con l’efficacia della grande distribuzione commerciale organizzata.

Nel 2002, con la nuova società Solari.com srl rilancia sul mercato italiano il marchio Amstrad, divenuto famoso già negli anni ottanta per il settore elettronico, puntando sui prodotti elettronici più recenti. Cottone è tra i primi importatori a diffondere in Italia i decoder per il digitale terrestre[senza fonte]. Ex socio del fratello di Silvio Berlusconi, Paolo Berlusconi nella società Solari che distribuiva decoder, nel 2007 Cottone scampò fortunatamente ad un sequestro organizzato dalla ex-moglie (ora detenuta). Doveva essere un rapimento perfetto. Un'operazione liscia, senza intoppi. invece il sequestro ai danni dell'imprenditore Giovanni Cottone si è trasformata in una di quelle storie che potrebbero - neanche rimaneggiate - entrare in un romanzo.Gli ingredienti ci sono tutti: soldi, donne, potere, affari andati storti, vecchie ruggini imprenditoriali, malavita. E, sullo sfondo, il nome eccellente di Paolo Berlusconi, usato impropriamente dagli arrestati ma che comunque solletica le cronache. Cottone avrebbe ricavato, a dire della ex moglie, oltre settantacinque milioni di euro frodandoli a Paolo Berlusconi, depositati in un conto svizzero, ammontante ad oltre cento milioni di euro, il tesoretto era il motivo di tanto odio. Nell’anno 2009, Cottone ritorna nuovamente sul mercato dell’elettronica, creando un’apposita divisione della Motom Italia Spa dedicata all’elettronica. La società cambia la sua denominazione in Motom Electronics Group Spa e rileva altri marchi importanti nel settore: Sansui e Akai.

Nel 2012 annuncia le nozze con Valeria Marini.

Il 5 maggio 2013 sposa la showgirl Valeria Marini nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli a Roma.

L’esperienza nel mondo delle due ruote[modifica | modifica sorgente]

Nel corso del 2005 Cottone rileva il marchio Garelli ponendone le basi per il rilancio nel settore del motociclo.

Nel 2007 rileva e rilancia Motom, un altro marchio italiano del settore motociclistico.

Successivamente progetta e realizza nel 2008 il ritorno sulle strade italiane della Lambretta, dopo averne rilevato il marchio e modernizzato il design.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]