Giovanni Colonna (etruscologo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Colonna (1934) è un archeologo italiano, studioso dell'Italia antica e della civiltà etrusca.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Colonna insegna all'Università La Sapienza dal 1980.

Si è laureato a Roma nel 1957, studiando con Massimo Pallottino. Ha continuato i suoi studi a Roma e ad Atene, ricoprendo poi la carica di soprintendente archeologico dell'Etruria meridionale dal 1964 al 1972.

Ha condotto numerose campagne di scavo in Etruria (Blera, Bisenzio, Bolsena, Montefiascone, Tuscania, Cerveteri, Ladispoli, Veio) e in altre località (Arcinazzo Romano, Saepinum, valle del Sinello, Festòs). Con sua moglie, Elena Di Paolo, ha scavato alcune necropoli rupestri del Viterbese e pubblicato due volumi: Castel d'Asso (1970) e Norchia I (1978).

È maggiormente conosciuto per il suo lavoro sul sito etrusco di Veio e sul locale tempio di Apollo. Ha condotto anche intensi scavi a Pyrgi ed è autore di vari articoli scientifici e libri, con oltre 300 titoli pubblicati.

Colonna è membro dell'Accademia nazionale dei Lincei in Roma. Nel 2005, una sua collezione di scritti è stata pubblicata in un singola opera (4 volumi, 2695 pagine) intitolata Italia ante Romanum imperium: scritti di antichità etrusche, italiche e romane (1958-1998).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 93446763 SBN: IT\ICCU\RAVV\016213