Giovanni Caselli (antropologo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Caselli (Villa La Massa, 14 aprile 1939) è un antropologo italiano di formazione culturale britannica.[1] È Fellow of the Royal Anthropological Institute of Great Britain and Ireland dal 1972 e Member of the Royal Archaeological Institute of Great Britain dal 1985. Ha insegnato antropologia ed archeologia in Inghilterra e a Malta, svolgendo nel contempo attività di divulgatore di scienze e di storia, di creatore di collane divulgative, di autore, di illustratore di volumi per ragazzi e adulti e di consulente editoriale.

Ha dato vita a numerose imprese editoriali in Inghilterra e in Italia. Il suo stile illustrativo nel settore della ricostruzione archeologica è stato adottato da numerosi artisti in Italia e all'estero. È presente con circa quaranta schede nel Catalogo della Library of Congress e con 52 nel Catalogo della British Library[2]. Caselli è stato il primo a rilevare sul terreno il percorso della Via Francigena da Canterbury fino a Roma (Il Cammino di Dio - Archeologia Viva N°5, 1989 pp 54-63).

Si occupa successivamente dell'impatto della cultura iranica sulla formazione dell'Europa medievale. Vive e lavora a Bibbiena nel Casentino, da dove, nel 1969, iniziarono le sue prime ricerche antropologiche.

Studi sulle Vie romee[modifica | modifica sorgente]

Il 7 marzo 2007 Giovanni Caselli tenne una conferenza mirata a dare l'avvio alla ricostruzione sul terreno della Via romea di Stade (come descritta dall'abate Alberto negli "Annales Stadenses" del 1236 conservati nella biblioteca di Wolfenbuttel)][3] nel Municipio di Ochsenfurt di fronte ai rappresentanti di almeno 20 comuni tedeschi attraversati dall'itinerario storico. Da allora, assieme ad Uwe Schott di Plankstadt (Mannheim), Giovanni Caselli si è adoperato per coinvolgere le amministrazioni locali dei Länder attraversati dall'antica via per ripristinare l'itinerario e aprirlo al pubblico.[4] Agli inizi di settembre 2010 è stata affissa la segnaletica "Via Romea" in un tratto di strada che va da Braunschweig a Wernigerode nella Bassa Sassonia.[5] Nel 2013 la segnaletica era stata affissa fino a Mittenwald sul confine austriaco, In Italia da Bolzano a Salorno e da Ravenna a Montefiascone.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Life through the Ages (Dorling Kindersley, London, 1987)
  • Wonders of the World (Dorling Kindresley, London, 1987)
  • The Human Body (Dorling Kindrsley, London 1987)
  • La Valle del Nilo (Giunti, Firenze e Gottmer, Amsterdam 1990).
  • Egitto, guida culturale (Giunti/Casterman, Firenze Parigi, 1991).
  • La Via Romea (Giunti, Firenze 1891)
  • Egypt (Flint River Press, London, T.C.I., Italia, 1992).
  • La Loire (Casterman/Giunti, Parigi e Firenze1992)
  • Guida alle Antiche Strade Romane (De Agostani, Milano 1994)
  • Il Cammino dell'Uomo (De Agostani, Milano, 1995 con Brian Fagan)
  • I Viaggi di Ulisse (Giunti, Firenze 1894) (Premio Andersen1994)
  • Atlante di Mitologia Classica (Giunti, Firenze,1996)
  • History of Every-dey Things: First Civilizations (Macdonald Educational London and Peter Bedrick New York, 1986)
  • History of Every-dey Things: The Roman Empire and the Dark Ages (Macdonald Educational London and Peter Bedrick New York, 1986)
  • History of Every-dey Things: The Middle Ages (Macdonald Educational London and Peter Bedrick New York, 1986)
  • History of Every-dey Things: The Renaissance and the New World (Macdonald Educational London and Peter Bedrick New York, 1986)
  • In Search of Knossos (Watts Books, London, 1999)
  • In Search of Pompii (Watts Books, London, 1999)
  • In Search of Tutankhamun (Watts Books, London, 1999)
  • In Search of Troy (Watts Books, London, 1999)
  • Casentino: Guida Storico Ambientale, (Le Balze, Montepulciano, 2003)
  • Attraverso il Casentino, Lina Eckenstein traduzione (Federico Frezzolini, Bibbiena 2003)
  • Il Grande Libro del Progresso dell'Umanità (De Agostini, Milano, 2007)
  • Il Casentino da Arma a Zenna (Rotary Club del Casentino, 2008)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Artist Giovanni Caselli
  2. ^ Caselli, Giovanni 1939- [WorldCat.org]
  3. ^ Via di Stade - Rete dei cammini
  4. ^ Comunità Toscana Il Pellegrino - Il giornale - Cronaca Francigena
  5. ^ La Via Romea Germanica, di Giovanni Caselli