Giovanni Buzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Buzi

Giovanni Buzi (Vignanello, 10 marzo 1961Bruxelles, 17 marzo 2010) è stato uno scrittore e pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato in Lettere all'Università la Sapienza di Roma e diplomato in pittura all'Accademia di Belle Arti di Roma, ha insegnato Lingua e Cultura Italiana al Parlamento Europeo di Bruxelles, ha insegnato Storia dell'arte contemporanea all'Académie des Arts di Bruxelles.

Ha pubblicato sei romanzi: Faemines (Libreria Croce, 1999), Il Giardino dei Principi (Massari, 2000), Agnese (Tabula Fati, 2005), Uragano (Delos Books, 2008), Agnese, ancora (Edizioni Akkuaria, 2008), La signora dalla maschera d'oro (Il Foglio, 2009). Tre raccolte di novelle: Fluorescenze (Il Filo, 2004), Sesso, orrore e Fantasia (Massari, 2005) e Alchimie d’amore e di morte (Tabula Fati, 2007). Il saggio di storia dell'arte W. Turner in Etruria (Massari, 2004), questo volume è presente nel catalogo della biblioteca del Metropolitan Museum of Art di New York, un manuale di storia dell'arte per i licei (Multimedia, 1993). Una silloge poetica, Visi (Gierut Editore, con Marcella Testa, 2009). Numerosi racconti e poesie in antologie, riviste e settimanali (tra cui Writers Magazine Italia e Cronaca Vera).

Con il racconto La collana di perle celesti ha vinto il Premio Profondo Giallo 2005 (il racconto è stato pubblicato insieme al romanzo di Giulio Leoni, I delitti del mosaico, collana Il Giallo Mondadori n. 2896, Milano 2006). Ha ottenuto inoltre riconoscimenti in molti altri premi letterari, tra cui Lovecraft, Rill, Yorick e Delitto d'Autore.

Come pittore espone in Italia e all'estero dal 1985.

Nel mese di settembre 2007 all'ISTI, Institut Supérieur de Traducteurs et Interprètes, di Bruxelles, è stata sostenuta la tesi: "Il Giardino dei Principi: gli anni cinquanta e il rinnovamento dell'Italia", tesi che comprende la traduzione in francese del romanzo «Il Giardino dei Principi». È presente nel Dizionario Piron che raccoglie i maggiori artisti belgi, o di differente nazionalità che hanno vissuto in quel Paese.

Scompare nel 2010 all'età di 49 anni a seguito di un tumore.[1]

Nel 2012 Matteo Mancini ha pubblicato l'antologia "I Bastardi Senza Storia - Schegge impazzite del pulp-horror italiano" come omaggio a Giovanni Buzi. Nel 2013, la rivista Alibi ha pubblicato diversi racconti di Giovanni Buzi: "Profondo Bianco", "Palomas", "L'opale".

Bibliografia personale[modifica | modifica sorgente]

Partecipazioni in antologie[modifica | modifica sorgente]

Sue opere pittoriche utilizzate come copertine di libri[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Notizia della morte Horrormagazine.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]