Giovanni Bernardo Lama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Bernardo Lama, La Pietà

Giovanni Bernardo Lama (15081579) è stato un pittore italiano attivo principalmente a Napoli.

Fu seguace di Raffaello e appartenente al rinascimento italiano. Apprese l'arte della pittura dai maestri Giovanni Antonio Amato e Polidoro da Caravaggio, i quali erano riparati a Napoli in seguito al sacco di Roma del 1527.

I suoi dipinti sono caratterizzati dall'uso dei colori rosso e verde molto intensi con dense ombre.

I suo lavoro più importante è una "Deposizione" conservata presso la pontificia Reale Basilica di San Giacomo degli Spagnoli di Napoli.

Il 21 gennaio 1586 l'artista dichiara di avere circa cinquant'anni. In base a tale dichiarazione è plausibile posticipare la data di nascita del pittore intorno agli anni Trenta del XVI secolo.[1] L'artista risulta ancora in vita nel 1600.[2]

Spesso viene confuso con Giovanni Battista Lama (1660), pittore e napoletano anch'esso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A. Zezza, La data della Pietà dei cappuccini di Avellino e un riesame della cronologia dell'attività di Silvestro Buono in Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, IV s., Quaderni, 1-2, 2000, p. 200 nota 20.
  2. ^ G. B. D'Addosio, Documenti inediti di artisti napoletani dei secoli XVI e XVII dalle polizze dei banchi, p. 69 in Archivio Storico per le Province Napoletane, Napoli 1920.


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]