Giovanni Battista de Rossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il religioso, vedi Giovanni Battista de' Rossi.
Giovanni Battista De Rossi

Giovanni Battista De Rossi (Roma, 23 febbraio 1822Castel Gandolfo, 20 settembre 1894) è stato un archeologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, ma appassionato fin da giovanissimo di archeologia, riuscì a scoprire nel 1850 le catacombe di San Callisto, presso la via Appia Antica, insieme con Alexandre Panon de Richmont. Responsabile della costituzione del "Museo cristiano lateranense", oggi parte dei Musei Vaticani, nel 1854 collaborò con Wilhelm Henzen e Theodor Mommsen alla compilazione del Corpus Inscriptionum Latinarum.

Nel 1861 iniziò la pubblicazione delle Inscriptiones christianae urbis Romae septimo saeculo antiquiores ("Iscrizioni cristiane della città di Roma anteriori al settimo secolo"), nel 1863 fondò il periodico Bullettino di archeologia cristiana e nel 1864 fu pubblicato il primo volume della sua Roma sotterranea cristiana. Fu direttore del Museo cristiano vaticano e presidente della Pontificia Accademia Romana di Archeologia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Inscriptiones christianae Urbis Romae septimo saeculo antiquiores, 2 voll., Roma 1861-1888
  • La Roma sotterranea cristiana descritta e illustrata, 3 voll., Roma 1864-1877
  • Mosaici delle chiese di Roma anteriori al secolo XV, Roma 1872

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Baruffa, Giovanni Battista De Rossi. L’archeologo esploratore delle catacombe, Città del Vaticano, 1994. ISBN 88-209-2010-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 100171586 LCCN: n86058987 SBN: IT\ICCU\RAVV\082276