Giovanni Battista Venturi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Battista Venturi

Giovanni Battista Venturi (Bibbiano, 1746Reggio nell'Emilia, 1822) è stato un fisico italiano.

Discepolo di Lazzaro Spallanzani, viene ordinato sacerdote nel 1769, anno in cui viene chiamato ad insegnare logica nel seminario di Reggio Emilia.

Nel 1774 passa ad insegnare geometria all'Università di Modena e Reggio Emilia, dove dal 1776 insegna poi fisica.

Nel 1796 è a Parigi, dove redige la sua opera più importante Ricerche sperimentali sul principio della trasmissione laterale entro i fluidi applicata alla spiegazione dei diversi fenomeni idraulici. Sempre a Parigi, dove si trattiene fino al 1797, Venturi esamina i codici di Leonardo da Vinci, pubblicandone alcuni estratti nel saggio Essai sur les ouvrages physico-mathématiques de Léonard de Vinci (Paris, 1797), nel quale per primo mette in evidenza la componente scientifica e tecnologica dell'opera leonardesca. Lavora anche sugli scritti di Galileo Galilei. Importante è il suo contributo allo studio della meccanica dei fluidi con la descrizione di quello che viene chiamato effetto Venturi, che descrive il legame tra velocità e pressione di un fluido in un condotto.

Applicazione di tale effetto è il cosiddetto tubo di Venturi, che si impiega per la misura della velocità di un fluido in un condotto.

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 66590515 LCCN: n83007638