Giovanni Battista Maini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
G. B. Maino: monumento funebre di Scipione Publicola Santacroce a S. Maria in Publicolis (1747)

Giovanni Battista Maino (Cassano Magnago, 6 febbraio 1690Roma, 29 luglio 1752) è stato uno scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo a Roma di Camillo Rusconi, Maino ne ereditò le principali commissioni, come quella dell'esecuzione di un bassorilievo con la Gloria di San Francesco Regis per i Gesuiti di Madrid (il bassorilievo in stucco di Rusconi non fu però mai tradotto in marmo). Sempre seguendo la traccia di alcuni modelli in stucco di Camillo Rusconi, Maino collaborò alla decorazione dei pennacchi della cupola dei Santi Luca e Martina.

Lavorò poi a Sant'Agnese in Agone, dove eseguì il busto di Innocenzo X collocato sulla poco vistosa tomba del pontefice, alla facciata della Basilica di Santa Maria Maggiore, con alcune statue allegoriche e gli furono commissionate dal re di Portogallo alcune statue per la basilica di Mafra.

Tra il 1732 e il 1735 Maino fu coinvolto, con un ruolo di primo piano, in uno dei più importanti cantieri architettonici romani, quello della Cappella Corsini a San Giovanni in Laterano, commissionata da papa Clemente XII insieme alla facciata della basilica (l'architetto fu il medesimo, Alessandro Galilei. Sue sono infatti la statua bronzea benedicente del pontefice, ispirata a quella berniniana di Urbano VIII in S. Pietro, e quella del "cardinal nepote" Neri Corsini.

Nel 1734 Maino fu coinvolto nel cantiere della Fontana di Trevi, senza però eseguire la progettata statua del Nettuno per il sopraggiungere di dissapori con l'architetto Nicola Salvi (la commissione fu poi affidata a Pietro Bracci.

Inviò anche alcuni rilievi a Siena per la cappella Chigi nel Duomo, e nel 1735 realizzò su commissione della diocesi di Foligno la statua in argento e bronzo raffigurante San Feliciano, patrono della città, tuttora custodita in Cattedrale e annualmente visibile ai fedeli il 24 gennaio, festività in onore del santo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jane Turner (a cura di), The Dictionary of Art. 20, p. 125. New York, Grove, 1996. ISBN 1884446000

Controllo di autorità VIAF: 95818562