Giovanni Battista Lusieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eruzione notturna del Vesuvio (1793)

Giovanni Battista Lusieri (Roma, 1755Atene, 1821) è stato un pittore italiano.

Iniziò come disegnatore topografico e archeologico nella sua città natale, ma nel 1782 si spostò a Napoli, dove divenne molto apprezzato, soprattutto dai residenti inglesi, per la sua chiarezza e purezza del colore, oltre che per la sua capacità di disegnare profili e prospettive.

Nel 1799 Lusieri fu inviato da Lord Elgin a dirigere un gruppo di scultori e architetti in Grecia e Turchia, per ampliare la sua già grande collezione artistica. Collaborò quindi all'acquisizione di frammenti del Partenone, oggi conservati al British Museum.

Rimase poco tempo per produrre arte in modo diretto: molti dei suoi acquerelli rimasero incompiuti e molti altri furono persi in un naufragio del 1828.

In età avanzata soffrì di reumatismi e continuò a dipingere ad Atene, nella sua casa sotto l'Acropoli fino alla morte, nel 1821.

Suoi lavori sono conservati nel Getty Museum di Los Angeles[1]. Nel 2012 si è tenuta una mostra sul Lusieri alla National Gallery of Scotland di Edimburgo[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Informazioni sul pittore e sulle opere sul sito del Museo.
  2. ^ Sito ufficiale della Galleria.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ilaria Sgarbozza, Lusieri, Giovanni Battista in Dizionario biografico degli italiani Treccani, volume 66, 2007.
  • Fabrizia Spirito, Giovanni Battista Lusieri. L'opera completa, Electa Napoli, Napoli, 2003.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]