Giovanni Battista Fasolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Battista Fasolo (Asti, prima del 1600 – Palermo, dopo il 1664) è stato un compositore e organista italiano e frate francescano, spesso confuso con Il Fasolo, soprannome del compositore Francesco Mannelli[senza fonte]. Trascorse gran parte della sua vita in Sicilia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Le notizie sulla sua vita sono molto scarse. Sappiamo che dal 1645 fu frate francescano, e insegnante d'organo, per il quale nel 1645 scrisse un annuale, che simile a L'organo suonarino di Adriano Banchieri, era dedicato all'uso nelle piccole chiese. Era un trattato molto più semplice di quelli usati a Venezia.[1][2]. Dal 1659 fu maestro di cappella dell'arcivescovo di Monreale.

Fino a pochi anni addietro la musica profana di Giovanni Battista Fasolo veniva attribuita ad altri compositori, particolarmente al veneziano Francesco Mannelli,[3] compositore della prima opera commerciale della storia, o a un compositore sconosciuto detto "Il Fasolo".[4]

Comunque, dopo gli studi di Francesco Luisi,[5] di Mariangela Donà,[6] e Claudio Bacciagaluppi[7], l'attribuzione delle maggiori opere indicate come de "Il Fasolo" sembra poter essere assegnata, con una certa ragionevolezza, a Giovanni Battista Fasolo. Lo stesso dicasi per quanto indicato da Eleanor Selfridge-Field, in New Grove.[8]

Opere pervenute[modifica | modifica sorgente]

  • Op.3 "Misticanza di Vigna alla Bergamasca; il Canto della Barchetta et altre cantate et ariette per Voce et Chitarra." Robletti Rome, 1627. L'unico esemplare esistente era in possesso del Dr. Oscar Chilesotti nel 1886. Un esemplare di singola canzone, "I bei guardi", estratto dalla collezione, figura in un articolo di Chilesotti - "Notes sur les tablatures de luth et de guitare" pubblicato in "Encyclopedie de la musique" ; edita da Albert Lavignac (1925). Part 1, vol. 2: Italie - Allemagne, p. 636-684. Questo è particolarmente interessante perché ai dati sono stati aggiunti i simboli per la chitarra per indicare l'esecuzione dell'accompagnamento.
  • Il carro di Madama Lucia. Rome, 1628.(*attribuito)
  • Aria - Se desiate, o bella, 1629 (*attribuito)
  • Op.6 secondo libro di mottetti a 2-3 voci, con una messa per 3 voci, Napoli, 1635.
  • Op.8 annuale per organo. Venezia, 1645. Annuale che contiene tutto quello, che deve far un organista per risponder al choro tutto l'anno.
  • Magnificat, Beatus vir, a 5. c.1645.(*attribuito)
  • Op.9 Arie spirituali morali, e indifferenti, 2-3 vv, con dialoghi a 3 voci e due arie per voce solista. Palermo, 1659.

Registrazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Aria Cangia, cangia tue voglie. Aria da Op.3 La barchetta passaggiera. Roma, 1627. Registrata da Beniamino Gigli Londra, 1947.[9]
  • Il Fásolo, Le Poème Harmonique, dir. Vincent Dumestre Alpha-23 (CD) 2004[10]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eleanor Selfridge-Field Venetian instrumental music from Gabrieli to Vivaldi 1994 p24
  2. ^ Alexander Silbiger, Frescobaldi studies, 1987, p352
  3. ^ Ferrari-Barassi, E. 'La Luciata di Francesco Manelli: considerazioni su una perduta stampa della Biblioteca municipale di Breslavia, l'esemplare di un manoscritto berlinese e un componimento del Fasolo', Quadrivium 9.1970, p.211–42
  4. ^ Chilesotti, O. 'Musica del passato: Fasolo – Asioli' 1886, p.349–54
  5. ^ Francesco Luisi, '"Il carro di Madama Lucia et una serenata in lingua lombarda": note sulla definitiva attribuzione a Giovanni Battista Fasolo, in Seicento inesplorato, Lenno 1989, p.481–96
  6. ^ Mariangela Donà, Foreword to Giovan Battista Fasolo e la Barchetta Passaggiera Lucca, 1994
  7. ^ Claudio Bacciagaluppi, 'G.B. Fasolo "Fenice de' musici ingegni"' in Rivista internazionale di musica sacra, 19/2 1998, p.5–66
  8. ^ Fasolo, G.B. In The New Grove dictionary of music and musicians, Volume 5 2001 p.76
  9. ^ Version for voice and piano in Anthology of Italian Songs (17th & 18th Century), Vol 2 Alfred Publishing.
  10. ^ Nel libretto allegato al disco, Jean-François Lattarico, Université de la Sorbonne, lascia aperta la possibilità che si possa trattare di un terzo compositore, "Il Fásolo" non identificabile né con Francesco Mannelli né con Giovanni Battista Fasolo

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 184386106 LCCN: nr95028325