Giovanni Battista Caporali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Battista Caporali (Perugia, 1476Perugia, 1560) è stato un architetto e pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Chiamato anche Bitti, diminutivo del suo nome, oppure dal Vasari Benedetto, fu figlio di Bartolomeo Caporali, pittore e miniatore.

Allievo del Perugino e di Luca Signorelli, il suo primo lavoro firmato, una Madonna e Santi, risalì al 1492, evidenziò una forte influenza del Signorelli. Fu anche un noto architetto, e costruì un palazzo, denominato il Palazzone, vicino a Cortona per conto del cardinale Silvio Passerini, i cui interni furono impreziositi da suoi affreschi, realizzati in collaborazione con Tommaso Barnabei, meglio conosciuto come Maso Papacello. Questi lavori furono eseguiti dopo un soggiorno romano, effettuato nel 1509, che modificò il suo stile , al punto da avvicinarlo alla scuola romana del Peruzzi ed al Manierismo. La sua Storie di Roma si caratterizzò, infatti, dalla suddivisione in finte nicchie portanti statue in chiaroscuro raccolte in prospettive architettoniche, dalle figure ispirate dai modelli raffaelleschi e di Giulio Romano.[1]

L'architettura del Palazzone evidenziò un aspetto severo, sia per la presenza di una grande torre, sia per il bastione merlato che circonda il palazzo, ma anche una certa originalità, come nel caso del giardino a più piani, che costituì uno dei primi casi di parco all'italiana. Molte chiese perugine conservano suoi lavori, purtroppo in vari altri casi, quali la chiesa di Monteluce (1543) e di Montemorcino (1547) i suoi cicli di affreschi non sono sopravvissuti. Tra gli altri suoi progetti importanti vi furono la cattedrale di Panicale e il Municipio di Perugia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Le muse", De Agostini, Novara, 1964, Vol.III, pag.71

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michael Bryan, Dictionary of Painters and Engravers, Biographical and Critical, Robert Edmund Graves, Londra, 1886, pag. 230

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • [1] Giovanni Battista Caporali su Artnet.fr