Giovanni Battista Antonelli (1527-1588)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Battista Antonelli (Gatteo, 1527Toledo, 1588) è stato un ingegnere militare italiano, fratello maggiore di Battista Antonelli, al servizio presso il Regno di Spagna.

Progettò e costruì alcune roccaforti e fortezze militari sulla costa mediterranea della Penisola Iberica per conto della Spagna durante la seconda metà del XVI secolo.

Nel 1568, il re Filippo II di Spagna aveva affidato al nobile Vespasiano Gonzaga, l'incarico di provvedere ad un piano di difesa delle coste mediterranee della Spagna.

Per come, analogamente, si era già fatto nel Regno di Sicilia nel 1547 con Antonio Ferramolino e nel 1552 con Pietro del Grado, il nobiluomo fu accompagnato da un tecnico specializzato, l'Antonelli, e dall'ispezione derivò il progetto di costruzione delle fortificazioni della città portuale di Cartagena, la costa del Regno di Valencia e dei porti africani di Orano e Mazalquivir.

Nell'ambito di questo progetto di fortificazione della costa spagnola e africana, fu costruita una serie di torri costiere, sulla costa di Murcia e del Regno di Valencia e fu intrapresa la ricostruzione del Castello di Santa Barbara che sovrasta Alicante (Spagna) nel 1562, la costruzione del Castello Benidorm e della torre di Santa Faz ad Alicante nel 1575 e il bacino artificiale di Tibi (1580). Inoltre furono costruite le mura che proteggono Peñíscola.

Dal 1580 si dedica allo studio della navigabilità del fiume Tago tra Lisbona e Toledo, un progetto che non è mai diventato una realtà (c'è un romanzo satirico di Ricardo Sanchez Candelas, che si occupa del progetto intitolato:Navigarono solo i suoi sogni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie