Giovanni Arcimboldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Arcimboldi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Giovanni Arcimboldi.jpg
Stemma.Giovanni.Arcimboldi.jpg
Titolo Santi Nereo e Achille il 7 maggio 1473; Santa Prassede il 30 dicembre 1476; Santa Maria Nuova il 15 novembre 1483
Nato 1426/1430, Parma
Ordinato presbitero  ?
Consacrato vescovo 20 novembre 1468
Elevato arcivescovo 25 ottobre 1484
Creato cardinale 7 maggio 1473 da papa Sisto IV
Deceduto 2 ottobre 1488, Roma

Giovanni Arcimboldi (Parma, 1426Roma, 2 ottobre 1488) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Parma nel 1426[1][2] (Nicola Raponi procrastina la data al 1430[3]), di nobile stirpe, Giovanni era figlio di Nicolò Arcimboldi e di Orsina Canossa[3]. Durante i suoi primi anni di studio, si laureò in utroque iure a Pavia nel 1458[2] e successivamente divenne senatore di Milano ed ambasciatore del duca Francesco Sforza prima[3], e del figlio Galeazzo Maria poi[4][5], presso il Papa. Durante questo periodo, si sposò con Briseide Pietrasanta[2][3][4], dalla quale ebbe una figlia, anch'essa con il nome di Briseide[2], e un figlio, Luigi[3]; ebbe anche nove figli illegittimi[2].

La carriera ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Vescovo di novara (1468-1484)[modifica | modifica wikitesto]

Rimasto vedovo, intraprese la vita ecclesiastica divenendo canonico nella cattedrale di Piacenza e Protonotaro apostolico per mano di Paolo II[2]. Fu da questi eletto vescovo di Novara il 20 novembre 1468[1][5], e occupò questa sede sino alla propria promozione alla sede arcivescovile di Milano. Giovanni Arcimboldi, per via degli impegni continui in curia, non si occupò mai realmente della sua sede, lasciandone la cura ai vari vicari capitolari (Ambrogio Caccia e Bartolomeo Besozzi[3]). Infatti, dopo essere stato consacrato vescovo, venne nominato nuovamente ambasciatore ducale a Roma da parte di Galazzo Maria Sforza[2].

La nomina cardinalizia e gli impegni in curia[modifica | modifica wikitesto]

Per merito di questi suoi impegni diplomatici e su pressione del Duca di Milano, venne promosso al cardinalato il 7 maggio del 1473[1][3][5]. Egli ricevette il titolo cardinalizio dei Santi Nereo e Achilleo a partire dal 17 maggio 1473[1][6], giungendo a Roma il 24 novembre dello stesso anno per essere nominato ufficialmente in un concistoro pubblico, ricevendo la porpora cardinalizia il 10 dicembre. Nominato prefetto della Segnatura Apostolica di Grazia e Giustizia[5], occupò questa carica sino alla propria morte, divenendo anche Camerlengo del Sacro Collegio cardinalizio dal 31 maggio 1476, durante l'assenza del cardinale Giacomo Ammannati-Piccolomini.

Divenuto abate commendatario del monastero di San Benedetto di Gualdo, nella diocesi di Nocera Umbra, optò per il titolo cardinalizio di Santa Prassede a partire dal 30 dicembre 1476[1][6]. Nominato legato "a latere", con pieni poteri, a Perugia, a partire dal 15 gennaio 1477[2], venne poi nominato legato in Ungheria, Germania, Boemia[6] e regioni confinanti a partire dal 7 febbraio 1477[2]. Nuovamente nominato Camerlengo del Sacro Collegio cardinalizio dal 19 maggio al 5 giugno 1482, nel corso di un'epidemia di peste, venne rieletto ufficialmente il 15 gennaio 1483 occupando il posto sino al 19 gennaio 1484. Nominato legato in Polonia, il 23 settembre 1484 venne inviato a Perugia per poi fare ritorno a Roma ove ottenne in commenda la diaconia di Santa Maria Nuova (15 novembre 1483[1]), mantenendola sino alla propria morte.

Arcivescovo di Milano (1484-1488)[modifica | modifica wikitesto]

Partecipò al conclave del 1484 che elesse papa Innocenzo VIII. Promosso alla sede metropolitana di Milano dal 25 ottobre 1484[1][6], ottenne anche la commenda del monastero benedettino di Sant'Ambrogio di Milano, favorendo l'entrata in città degli agostiniani che si stabilirono poi presso Santa Maria della Passione[6]. Il 4 maggio 1487, rinunciò alla commenda del monastero di San Dionigi a Milano in favore del fratello minore Guidantonio Arcimboldi che gli succedette nella cattedra arcivescovile[2].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Arcimboldi morì a Roma il 2 ottobre 1488[6][1] all'età di 67 anni e venne sepolto nella chiesa di Sant'Agostino[2][5]. Le sue esequie vennero celebrate il 29 ottobre 1488 e si tennero in un giorno solo (anziché nove come prevedeva la tradizione) per specifica richiesta del papa (data anche la morte del defunto da lungo tempo)[2]. Nel Duomo di Milano si trova oggi eretto a sua memoria un elegante monumento commissionato dal figlio[2] (il Moroni lo qualifica come nipote[5], invece), l'arcivescovo Giovanni Angelo Arcimboldi (1550-1555)[6].

Giudizio[modifica | modifica wikitesto]

La figura del primo degli arcivescovi di questa famiglia viene dipinta con toni chiaroscurali. Da un lato, il Raponi e il Moroni lo giudicano come un uomo estremamente colto, raffinato umanista (era in contatto con Pier Candido Decembrio e Francesco Filelfo) ed estremamente attento alla liturgia e alla carità[7][8]. Lo stesso Raponi, però, ne sottolinea la mancanza di spirito pastorale nella visita delle diocesi affidategli, a causa dei numerosi impegni politici in quanto cardinale[3].

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Immagine Blasonatura
Ornements extérieurs Cardinaux.svg
Coat of arms of the House of Arcimboldi.svg
Giovanni Arcimboldi
Cardinale
Arcivescovo di Milano

D'oro alla banda di rosso, carica di tre stelle a sei punte, del campo (Arcimboldi). Lo scudo, accollato a una croce astile patriarcale d'oro, posta in palo, è timbrato da un cappello con cordoni e nappe di rosso. Le nappe, in numero di trenta, sono disposte quindici per parte, in cinque ordini di 1, 2, 3, 4, 5.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Giovanni Cardinal Arcimboldo su catholic-hierarchy.org. URL consultato l'11 maggio 2015.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) Salvador Miranda, Arcimboldo, Giovanni su The Cardinals of the Holy Roman Church. Biographical Dictionary. Pope Sixtus IV (1471-1484): consistory of May 7, 1473. URL consultato l'11 maggio 2015.
  3. ^ a b c d e f g h Nicola Raponi, Arcimboldi, Giovanni in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 3, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1961. URL consultato l'11 maggio 2015.
  4. ^ a b Eugenio Cazzani, Vescovi e Arcivescovi di Milano, p. 215.
  5. ^ a b c d e f Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica, II, p. 317. URL consultato l'11 maggio 2015.
  6. ^ a b c d e f g Eugenio Cazzani, Vescovi e Arcivescovi di Milano, p. 216.
  7. ^ Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da s. Pietro sino ai nostri giorni, II, p. 317. URL consultato il 12 maggio 2015.
    «si rese non meno commendevole per la dottrina e la pietà [...] Paolo II ammirando la virtù e la scienza di questo sacerdote...».
  8. ^ Nicola Raponi, Arcimboldi, Giovanni. URL consultato il 12 maggio 2015.
    «Dotato di buona preparazione giuridica e letteraria, l'A. intrattenne rapporti culturali col Filelfo, col Decembrio, coi Maioragio e altri letterati; nella biblioteca del Filelfo sono stati individuati diversi codici appartenuti all'Arcimboldi».

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Novara Successore BishopCoA PioM.svg
Bernardo Rossi 1468-1484 Ascanio Sforza
Amministratore
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Nereo e Achilleo Successore CardinalCoA PioM.svg
István Váday 1473-1476 Giovanni Battista Mellini
Predecessore Camerlengo del Sacro Collegio Successore CardinalCoA PioM.svg
Bartolomeo Roverella 1476-1477 Oliviero Carafa
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore CardinalCoA PioM.svg
Alain de Coëtivy
in commendam
1476-1488 Antonio Pallavicini
Predecessore Abate Commendatario di San Benedetto di Gualdo Successore Prepozyt.png
 ? 1476 - 1488  ?
Predecessore Camerlengo del Sacro Collegio Successore CardinalCoA PioM.svg
Ausias Despuig maggio-giugno 1482 Giovanni Battista Cybo
Predecessore Camerlengo del Sacro Collegio Successore CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Battista Cybo 1483-1484 Giovanni Battista Cybo
Predecessore Cardinale diacono di Santa Maria Nuova
in commendam
Successore CardinalCoA PioM.svg
 ? 1483-1488  ?
Predecessore Arcivescovo di Milano Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Stefano Nardini 1484-1488 Guidantonio Arcimboldi
Predecessore Abate Commendatario di Sant'Ambrogio di Milano Successore Prepozyt.png
 ? 1484 - 1488  ?
Predecessore Abate Commendatario di San Dionigi di Milano Successore Prepozyt.png
 ? 1484 - 1487 Guidantonio Arcimboldi
Controllo di autorità VIAF: (EN32804269 · GND: (DE119332558