Giovanni Andrea Gregorini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Andrea Gregorini

Giovanni Andrea Gregorini (Vezza, 30 agosto 1819Buffalora, 3 ottobre 1878) è stato un imprenditore e politico italiano.

lapide sulla facciata di palazzo Tadini a Lovere in memoria di Andrea Gregorini

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Vezza d'Oglio dall'omonimo padre Giovanni Andrea Gregorini, commerciante in ferrarezza.

Entra nell'attività assieme al padre e nella prima metà dell'Ottocento si espande nella media Val Camonica acquistando concessioni estrattive dalle potenti famiglie dei Panzerini, Simoncini e Franzoni.

Nel 1855 acquista a Castro uno stabilimento che produceva attrezzi agricoli (armeria in epoca veneta) e ne fa il maggiore centro siderurgico dell'area (Oggi Lucchini) .

Tra il 1860 e 1870 acquisisce il monopolio estrattivo di tutta la Val Camonica, con forte scontro con le comunità locali di Paisco e Malonno

Nel 1870 è eletto deputato al parlamento. Sarà anche sindaco di Castro.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie